• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Lavoro, Salento

Salento – Cassa integrazione, oltre 1 milione e 500 mila le ore autorizzate nei primi 5 mesi del 2016

 A maggio richieste in calo del 62% su aprile.

Nel mese di maggio 2016, il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate alle aziende della provincia di Lecce è stato pari a 219mila162, in calo del 62,6% rispetto al precedente mese di aprile.

Nel dettaglio, le ore di cassa ordinaria (cigo) sono state 146mila744, in diminuzione dell’11,1%, dato che risente ancora del blocco delle autorizzazioni per la cigo negli ultimi mesi del 2015. Le ore di cassa integrazione straordinaria sono state invece 55mila947, in calo dell’86,7% rispetto ad aprile. Per gli interventi in deroga, sono state autorizzate a maggio 16mila471 ore, contro le zero ore del mese precedente.

Resta preoccupante il dato relativo alle ore di cig complessivamente autorizzate nei primi cinque mesi del 2016, pari a 1milione 548mila923 ore, in calo del 22,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (2milioni 006mila420 ore). A tracciare il quadro è il 5°Rapporto mensile elaborato dalla Uil – Servizio Politiche del Lavoro, sulla base dei dati Inps.

“Il dato delle ore autorizzate di cassa integrazione a maggio e nei primi 5 mesi dell’anno ci segnala come, purtroppo, ci sia una sostanziale corrispondenza tra la ancora troppo bassa crescita economica, la insufficiente ripresa occupazionale ed il persistente utilizzo di questo ammortizzatore sociale”, commenta il segretario generale della Uil di Lecce, Salvatore Giannetto. “La cassa integrazione ordinaria, dopo il parziale e colpevole blocco amministrativo dei mesi scorsi, – prosegue – ha ripreso a crescere coinvolgendo nuove aziende. Alla luce di questi dati, è sempre più necessaria una revisione delle norme che regolano l’autorizzazione della cassa integrazione in termini di durata (oggi ristretta dal Jobs Act)e del costo per la stessa impresa con l’oneroso ticket di accesso. Il Governo ha un’occasione da cogliere rapidamente modificando i decreti legislativi sugli ammortizzatori, così come quella di prevedere, nella ipotetica proposta di revisionedei termini di pensionamento, la tutela di quei lavoratori ‘non giovani’ che possono vedere nell’accesso alla stessa pensione la soluzione ad un dramma che vive chi perde il lavoro, che difficilmente viene avviato ad un lavoro ed è troppolontano dall’attuale età pensionabile”.

“Ad oggi – conclude il segretario della Uil di Lecce – questo strumento continua a essere l’unico baluardo per la tenuta di precari equilibri sociali. Se invece di deregolamentare il lavoro che c’è, il governo si preoccupasse di creare nuovo lavoro, facendo investimenti e accrescendo il potere d’acquisto di lavoratori e pensionati, si farebbe davvero ‘cambiare verso’ all’economia”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *