• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Salento

SALENTO – NEL 2015 + 293 UNITA’, IMPRESE IN ROSA IN CRESCITA

Imprese rosa in crescita nel 2015: +293 unità

Le imprese femminili iscritte al registro delle imprese dell’Ente camerale al 31 dicembre sono 15.973 e rappresentano oltre il 22% della struttura imprenditoriale salentina; 2.699 pari al 17% sono quelle  capitanate da una giovane donna (under 35) e 561 (3,6%) quelle gestite da donne straniere provenienti da paesi extraeuropei, essenzialmente dal Marocco (25%), Senegal (19%) e Cina (18%).

I dati dimostrano che le donne stanno guadagnando spazio nel tessuto produttivo salentino – dice il presidente Alfredo Prete – perché sono dinamiche e attente al mercato ,  come dimostrano i dati delle imprese artigiane rosa che hanno chiuso positivamente  il 2015  a differenza di quanto registrato nel comparto in generale, che invece ha chiuso il bilancio    in rosso. Il desiderio di tante donne,  che guardano all’impresa e al mercato come un’opportunità di essere protagoniste del proprio progetto  di vita e lavorativo, va sostenuto e incoraggiato,  soprattutto con un’economia ancora zoppicante e incerta. Le istituzioni hanno il dovere di dare risposte concrete per facilitare e sostenere queste iniziative imprenditoriali.   La Camera di Commercio di Lecce, anche attraverso il Comitato per l’imprenditoria femminile, ma non solo, mette a disposizione strumenti mirati al sostegno e sviluppo di questi progetti, con  iniziative per la formazione, l ‘internazionalizzazione e  l’alfabetizzazione digitale”.

Il bilancio annuale della nati-mortalità delle imprese rosa si è chiuso con un saldo positivo di 293 aziende  scaturito da 1.532 iscrizioni e 1.239 cancellazioni e un tasso di sviluppo pari a +1, 87%.

Il tasso di femminilizzazione settoriale,  cioè la percentuale di imprese gestite da donne rispetto al totale delle imprese del settore, raggiunge livelli più elevati,  rispetto alla media, in alcuni ambiti economici, in primis i servizi legati alla persona in cui vi è una maggiore concentrazione di imprese femminili pari a circa il 45% per complessive 1.468 aziende su 3.265 registrate, i servizi legati alla sanità e assistenza sociale con una quota del 39,5%  (243 imprese su 615) e i servizi inerenti all’istruzione (104 imprese su 347)  settore in cui il peso delle imprese rosa è del 30%. Ci  sono settori, invece, in cui la presenza di imprese gestite da donne è marginale,  come il comparto delle costruzioni   con 565 aziende (5,52%)  su 10.242 e l’attività estrattiva  con appena 4 imprese (6,35%) su 63.

Tav. 1 – Imprese e imprese femminili registrate nella provincia di Lecce al 31.12.2015
Settore
Imprese registrate femminili
Imprese registrate
Tasso di femminilizzazione
Distribuzione % imprese femminili
Distribuzione % imprese
A Agricoltura, silvicoltura pesca
2.516
8.975
28,03
15,75
12,43
B Estrazione di minerali da cave e miniere
4
63
6,35
0,03
0,09
C Attività manifatturiere
1.153
6.615
17,43
7,22
9,17
D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz…
19
179
10,61
0,12
0,25
E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d…
16
140
11,43
0,10
0,19
F Costruzioni
565
10.242
5,52
3,54
14,19
G Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut…
5.301
22.695
23,36
33,19
31,44
H Trasporto e magazzinaggio
123
1.143
10,76
0,77
1,58
I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
1.555
5.397
28,81
9,74
7,48
J Servizi di informazione e comunicazione
201
1.030
19,51
1,26
1,43
K Attività finanziarie e assicurative
357
1.256
28,42
2,24
1,74
L Attività immobiliari
224
976
22,95
1,40
1,35
M Attività professionali, scientifiche e tecniche
300
1.521
19,72
1,88
2,11
N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp…
393
1.615
24,33
2,46
2,24
P Istruzione
104
347
29,97
0,65
0,48
Q Sanità e assistenza sociale
243
615
39,51
1,52
0,85
R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver…
267
962
27,75
1,67
1,33
S Altre attività di servizi
1.468
3.265
44,96
9,19
4,52
X Imprese non classificate
1.164
5.139
22,65
7,29
7,12
 Totale
15.973
72.176
22,13
100,00
100,00
Fonte Infocamere  banca dati Stock view, elaborazioni Ufficio Statistica e Studi
Tra le province pugliesi è Foggia quella che detiene il più elevato tasso di imprese femminile con il 25,85%, seguita da Taranto con il 25,36% e Brindisi con il 22,9%. La provincia leccese, con il 22,13% precede solo Bari (20,85), ma in ogni caso il tasso di femminilizzazione è leggermente superiore al tasso medio nazionale pari al 21,7%.  I tassi di sviluppo  delle imprese rosa di tutte e cinque le province pugliesi sono positivi, con  Foggia in pole position con  un tasso di crescita del 2,15% e un saldo di 390 aziende, segue Lecce con + 1,87% e Brindisi (+1,81%)  con 147 imprese in più registrate nel 2015, Taranto e Bari con un tasso di crescita pari a  + 1,5% e un saldo, rispettivamente, di  181 e 467 imprese.
Tav. 2 – Imprese femminili registrate nelle province pugliesi al 31.12.2005
Provincia
Registrate
Attive
Iscrizioni
Cessazioni
Cessazioni non d’ufficio
Saldo
Tasso di natalità
Tasso di mortalità
Tasso di crescita
BARI
31.600
27.937
2.627
2.215
2.160
467
8,44
6,94
1,50
BRINDISI
8.270
7.327
716
613
569
147
8,81
7,00
1,81
FOGGIA
18.517
17.190
1.503
1.160
1.113
390
8,29
6,14
2,15
LECCE
15.973
14.113
1.532
1.298
1.239
293
9,77
7,90
1,87
TARANTO
12.184
10.763
934
773
753
181
7,78
6,27
1,51
Totale Puglia
86.544
77.330
7.312
6.059
5.834
1.478
8,60
6,86
1,74

Fonte Infocamere  banca dati Stock view, elaborazioni Ufficio Statistica e Studi

Anche per le imprese rosa, come per le imprese in generale, la totalità del saldo è imputabile alle imprese non classificate che chiudono l’anno con 543 aziende in più, aziende che devono ancora essere collocate nei vari settori economici, poiché l’iter burocratico sono si é  ancora concluso, motivo per cui i vari settori al 31.12.2015 registrano saldi che potremmo definire “falsi  negativi” per la mancata distribuzione nei vari comparti di tali aziende.

Oltre il 33% delle imprese femminili svolge un’attività commerciale (5.301 imprese) e circa il 16% un’attività agricola (2.516), percentuali leggermente più elevate rispetto alle imprese in generale, delle quali il 31,4%  (22.695 aziende) opera nell’ambito del commercio  e poco più del 12% (8.975) nell’agricoltura. Anche per quanto riguarda le attività di alloggio e ristorazione il peso è più elevato nelle imprese femminili (9,74% e 1.555 unità) rispetto al totale imprese (7,48% e 5.397 imprese), analogamente per le imprese legati ai servizi alle persone, settore in cui le imprese rosa sono 1.468 e rappresentano  il 9,2% delle imprese femminili contro il 4,5% del totale imprese (3.265).

Analizzando il saldo delle imprese femminili dal punto di vista della forma giuridica, la più gettonata è la forma individuale ne sono nate 1.109 nell’arco del 2015,   ma ne sono state  chiuse 1.068, con un saldo di +41 e un tasso di crescita dello 0,36%. L’altra forma giuridica maggiormente adottata è la società di capitali:  sono 308 società iscrittesi a fronte di 69 cancellazioni con un saldo di 239 unità e un tasso di crescita da record pari a + 9,45%; le società di persone hanno perso appeal con 4° iscrizioni e 79 cessazioni e un tasso negativo di 39 imprese  (-3,30%). Infine le cooperative registrano 68 iscrizioni, 19 cessazioni e un saldo di 49 imprese (+8,83%).

Cattura

Le imprese femminili artigiane

Il 16,6% delle imprese femminili  sono artigiane  (2.638) e il bilancio per il 2015 si è chiuso  in attivo con un saldo di 159 nuove aziende,  al contrario di quanto verificato  nel comparto in generale che  ha chiuso l’anno in rosso (-292).   A fronte di 161 iscrizioni si sono registrate 2 sole cessazioni per cui il tasso di crescita delle imprese artigiane rosa per il 2015 è stato pari a 6,41%. Il saldo positivo è imputabile in particolar modo ai servizi per la persona (+47), alle attività manifatturiere (43), alle attività dei servizi di alloggio e ristorazione (+14) e alle costruzioni (+14).

Il settore in cui si concentra oltre i 50% delle imprese femminili è quello dei servizi alla persona che comprende 1323 aziende, seguito dal manifatturiero con 705 aziende.

Le imprese rosa dei comuni

Anche nel 2015 i comuni costieri del versante adriatico a vocazione turistica si confermano  quelli con la più elevata percentuale di imprese capitanate da donne:  un terzo delle imprese che hanno sede a Otranto (33%) e a Santa Cesarea (31,7%)  sono gestite da donne, seguono i comuni di Cannole (29,4%), Sanarica (27,9%) e Castro (27,9%).  I comuni, invece,  in cui la presenza imprenditoriale femminile è meno forte sono Castrì di Lecce (15,7%), Surbo (16,4%) e Neviano (16,9%).

Considerando i valori assoluti dei saldi è il comune capoluogo che registra il saldo più elevato con 135 nuove attività imprenditoriali, che rappresenta il 46% del saldo registrato nella provincia, seguito da Carmiano,  Gallipoli e Nardò  (tutti  con un saldo di 17 imprese), da Galatina (+14) e  Porto Cesareo (+13). I comuni di Casarano e Martano sono quelli che registrano il  saldo negativo più elevato, rispettivamente con – 18 e – 10.

L’analisi dei tassi di crescita, che tengono conto della numerosità della base imprenditoriale,   evidenzia una  vivacità imprenditoriale al femminile  nei comuni di  Surano (11,76%), Carmiano (8,33%) e Martignano (8%). Al contrario il peggior tasso di crescita è stato registrato nel Comune di Bagnolo del Salento (-7,14%) preceduto da Morciano (-5,9%) e Minervino (-5,6%).

Tav. 3 – Imprese femminili nei comuni della provincia di Lecce al 31.12.2005
Comune
Registrate
Attive
Iscrizioni
Cessazioni
Cessazioni non d’ufficio
Saldo
Tasso di natalità
Tasso di mortalità
Tasso di crescita
Tasso di femminilizzazione
Distribuzione %
LE001 ACQUARICA DEL CAPO
89
78
9
6
6
3
10,47
6,98
3,49
20,60
0,56
LE002 ALESSANO
89
78
4
5
5
-1
4,44
5,56
-1,11
18,78
0,56
LE003 ALEZIO
126
110
14
9
9
5
11,57
7,44
4,13
25,20
0,79
LE004 ALLISTE
97
90
11
16
16
-5
10,78
15,69
-4,90
20,25
0,61
LE005 ANDRANO
78
71
6
6
6
0
7,69
7,69
0,00
25,41
0,49
LE006 ARADEO
181
166
16
9
9
7
9,20
5,17
4,02
23,57
1,13
LE007 ARNESANO
67
59
6
10
10
-4
8,45
14,08
-5,63
26,69
0,42
LE008 BAGNOLO DEL SALENTO
26
26
0
2
2
-2
0,00
7,14
-7,14
20,63
0,16
LE009 BOTRUGNO
39
34
1
2
2
-1
2,50
5,00
-2,50
20,74
0,24
LE010 CALIMERA
120
105
9
13
13
-4
7,26
10,48
-3,23
23,17
0,75
LE011 CAMPI SALENTINA
165
145
16
19
19
-3
9,52
11,31
-1,79
21,15
1,03
LE012 CANNOLE
68
64
5
5
5
0
7,35
7,35
0,00
29,44
0,43
LE013 CAPRARICA DI LECCE
47
44
4
3
3
1
8,70
6,52
2,17
21,66
0,29
LE014 CARMIANO
221
195
28
11
11
17
13,73
5,39
8,33
20,83
1,38
LE015 CARPIGNANO SALENTINO
100
94
6
6
6
0
6,00
6,00
0,00
25,91
0,63
LE016 CASARANO
443
387
24
47
42
-18
5,21
9,11
-3,90
23,07
2,77
LE017 CASTRI DI LECCE
34
31
2
3
2
0
5,88
5,88
0,00
15,74
0,21
LE018 CASTRIGNANO DE’ GRECI
61
57
5
2
2
3
8,62
3,45
5,17
18,54
0,38
LE019 CASTRIGNANO DEL CAPO
77
67
7
10
10
-3
8,75
12,50
-3,75
18,16
0,48
LE020 CAVALLINO
205
183
20
17
17
3
9,90
8,42
1,49
21,65
1,28
LE021 COLLEPASSO
92
84
9
8
8
1
9,89
8,79
1,10
21,15
0,58
LE022 COPERTINO
351
303
36
31
29
7
10,47
8,43
2,03
19,64
2,20
LE023 CORIGLIANO D’OTRANTO
118
112
8
8
8
0
6,78
6,78
0,00
23,65
0,74
LE024 CORSANO
76
73
5
7
7
-2
6,41
8,97
-2,56
20,60
0,48
LE025 CURSI
48
45
6
8
8
-2
12,00
16,00
-4,00
18,11
0,30
LE026 CUTROFIANO
119
104
9
9
9
0
7,56
7,56
0,00
18,17
0,75
LE027 DISO
48
42
5
4
4
1
10,64
8,51
2,13
23,30
0,30
LE028 GAGLIANO DEL CAPO
108
101
6
6
4
2
5,66
3,77
1,89
25,84
0,68
LE029 GALATINA
525
473
47
34
33
14
9,20
6,46
2,74
23,92
3,29
LE030 GALATONE
270
236
26
22
21
5
9,81
7,92
1,89
20,13
1,69
LE031 GALLIPOLI
434
352
71
54
54
17
17,03
12,95
4,08
24,44
2,72
LE032 GIUGGIANELLO
18
17
0
0
0
0
0,00
0,00
0,00
17,48
0,11
LE033 GIURDIGNANO
44
39
4
5
5
-1
8,89
11,11
-2,22
21,46
0,28
LE034 GUAGNANO
98
91
10
8
8
2
10,42
8,33
2,08
21,35
0,61
LE035 LECCE
2.828
2.358
327
209
192
135
12,14
7,13
5,01
23,13
17,70
LE036 LEQUILE
159
136
18
8
8
10
12,08
5,37
6,71
22,68
1,00
LE037 LEVERANO
310
292
19
19
19
0
6,13
6,13
0,00
18,94
1,94
LE038 LIZZANELLO
158
143
14
7
6
8
9,33
4,00
5,33
20,95
0,99
LE039 MAGLIE
313
280
32
31
29
3
10,32
9,35
0,97
21,57
1,96
LE040 MARTANO
201
184
14
24
24
-10
6,64
11,37
-4,74
22,95
1,26
LE041 MARTIGNANO
27
22
3
1
1
2
12,00
4,00
8,00
19,57
0,17
LE042 MATINO
231
197
16
20
17
-1
6,90
7,33
-0,43
21,43
1,45
LE043 MELENDUGNO
251
219
25
25
25
0
9,96
9,96
0,00
25,64
1,57
LE044 MELISSANO
136
121
12
13
11
1
8,89
8,15
0,74
19,54
0,85
LE045 MELPIGNANO
50
45
2
1
1
1
4,08
2,04
2,04
23,36
0,31
LE046 MIGGIANO
67
62
4
2
2
2
6,15
3,08
3,08
27,46
0,42
LE047 MINERVINO DI LECCE
67
65
2
6
6
-4
2,82
8,45
-5,63
20,43
0,42
LE048 MONTERONI DI LECCE
216
186
24
15
13
11
11,71
6,34
5,37
20,47
1,35
LE049 MONTESANO SALENTINO
36
33
3
4
4
-1
8,11
10,81
-2,70
18,00
0,23
LE050 MORCIANO DI LEUCA
80
76
5
10
10
-5
5,88
11,76
-5,88
25,56
0,50
LE051 MURO LECCESE
66
59
6
5
5
1
9,23
7,69
1,54
19,02
0,41
LE052 NARDO’
630
571
73
61
56
17
11,91
9,14
2,77
22,48
3,94
LE053 NEVIANO
63
55
4
5
5
-1
6,25
7,81
-1,56
16,94
0,39
LE054 NOCIGLIA
36
32
5
3
3
2
14,71
8,82
5,88
23,53
0,23
LE055 NOVOLI
129
111
16
12
12
4
12,80
9,60
3,20
19,63
0,81
LE056 ORTELLE
46
41
4
2
2
2
9,09
4,55
4,55
27,22
0,29
LE057 OTRANTO
280
256
30
23
23
7
10,99
8,42
2,56
32,90
1,75
LE058 PALMARIGGI
30
27
1
0
0
1
3,45
0,00
3,45
25,86
0,19
LE059 PARABITA
137
122
9
17
15
-6
6,29
10,49
-4,20
18,90
0,86
LE060 PATU’
32
29
7
6
6
1
22,58
19,35
3,23
24,81
0,20
LE061 POGGIARDO
123
107
8
13
12
-4
6,30
9,45
-3,15
23,79
0,77
LE062 PRESICCE
126
117
9
12
12
-3
6,98
9,30
-2,33
23,68
0,79
LE063 RACALE
234
199
19
18
17
2
8,19
7,33
0,86
18,63
1,46
LE064 RUFFANO
199
180
15
17
17
-2
7,46
8,46
-1,00
21,17
1,25
LE065 SALICE SALENTINO
114
103
8
13
13
-5
6,72
10,92
-4,20
20,88
0,71
LE066 SALVE
118
109
18
11
11
7
16,22
9,91
6,31
25,99
0,74
LE067 SANARICA
29
27
1
1
1
0
3,45
3,45
0,00
27,88
0,18
LE068 SAN CESARIO DI LECCE
185
149
20
11
11
9
11,36
6,25
5,11
22,34
1,16
LE069 SAN DONATO DI LECCE
104
98
14
16
16
-2
13,21
15,09
-1,89
25,74
0,65
LE070 SANNICOLA
103
96
10
4
4
6
10,31
4,12
6,19
20,24
0,64
LE071 SAN PIETRO IN LAMA
55
45
5
2
2
3
9,62
3,85
5,77
22,73
0,34
LE072 SANTA CESAREA TERME
76
71
6
5
5
1
8,00
6,67
1,33
31,67
0,48
LE073 SCORRANO
96
86
8
5
5
3
8,60
5,38
3,23
21,33
0,60
LE074 SECLI’
33
24
3
2
2
1
9,38
6,25
3,13
18,75
0,21
LE075 SOGLIANO CAVOUR
54
49
4
4
4
0
7,41
7,41
0,00
19,35
0,34
LE076 SOLETO
79
70
7
3
3
4
9,33
4,00
5,33
18,68
0,49
LE077 SPECCHIA
82
74
8
8
8
0
9,76
9,76
0,00
21,58
0,51
LE078 SPONGANO
66
61
6
5
5
1
9,23
7,69
1,54
21,78
0,41
LE079 SQUINZANO
237
215
24
19
19
5
10,34
8,19
2,16
21,62
1,48
LE080 STERNATIA
42
39
3
3
3
0
7,14
7,14
0,00
24,71
0,26
LE081 SUPERSANO
81
74
4
3
3
1
5,00
3,75
1,25
20,98
0,51
LE082 SURANO
38
37
6
2
2
4
17,65
5,88
11,76
20,32
0,24
LE083 SURBO
167
155
15
12
11
4
9,20
6,75
2,45
16,40
1,05
LE084 TAURISANO
165
152
15
10
9
6
9,43
5,66
3,77
19,03
1,03
LE085 TAVIANO
257
216
30
24
23
7
12,00
9,20
2,80
18,68
1,61
LE086 TIGGIANO
55
54
5
1
1
4
9,80
1,96
7,84
22,18
0,34
LE087 TREPUZZI
243
221
19
18
18
1
7,85
7,44
0,41
24,87
1,52
LE088 TRICASE
358
324
27
34
33
-6
7,42
9,07
-1,65
24,21
2,24
LE089 TUGLIE
115
103
6
9
9
-3
5,08
7,63
-2,54
21,06
0,72
LE090 UGENTO
288
259
30
21
19
11
10,83
6,86
3,97
22,46
1,80
LE091 UGGIANO LA CHIESA
97
89
5
4
3
2
5,26
3,16
2,11
22,56
0,61
LE092 VEGLIE
266
244
19
22
20
-1
7,12
7,49
-0,37
21,56
1,67
LE093 VERNOLE
135
131
10
9
9
1
7,46
6,72
0,75
23,08
0,85
LE094 ZOLLINO
26
20
2
1
1
1
8,00
4,00
4,00
17,45
0,16
LE095 SAN CASSIANO
39
33
4
5
4
0
10,26
10,26
0,00
23,35
0,24
LE096 CASTRO
51
48
1
1
1
0
1,96
1,96
0,00
27,87
0,32
LE097 PORTO CESAREO
176
156
28
16
15
13
17,18
9,20
7,98
24,01
1,10
Totale
15.973
14.113
1.532
1.298
1.239
293
9,77
7,90
1,87
22,13
100,00
Fonte I banca dati Stock view, elaborazioni Ufficio Statistica e Studi

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *