• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Lavoro, Salento

SALENTO, “LA RIPRESA STENTA”, A LUGLIO NUOVO AUMENTO DI CASSA INTEGRAZIONE

 

SALENTO – Si attestano a 2,1 milioni le ore richieste dalle imprese salentine nei primi 7 mesi dell’anno

Continua a viaggiare in controtendenza la cassa integrazione nella provincia di Lecce. A luglio si registra un incremento dell’8,5 per cento delle richieste da parte delle imprese salentine rispetto al mese precedente.

Le ore autorizzate ammontano complessivamente a 317mila472, contro le 292mila541 di giugno. Questo mentre nel resto d’Italia si registra un calo del -19 per cento e in Puglia del -75 per cento; dati, però, che risentono ancora dei blocchi autorizzativi della cassa ordinaria (la Cigo, per difficoltà temporanee) legati all’entrata in vigore delle nuove regole varate con il Jobs Act e dell’andamento altalenante della Cig in deroga, visti i finanziamenti a singhiozzo a cui è soggetta ormai da tempo. Nel dettaglio, a luglio sono state autorizzate dall’Inps 54mila340 ore di Cigo (+34,1), 260mila590 ore di Cigs (+4,3), a testimonianza di complicati processi di ristrutturazione e riconversione ancora in corso nel Salento, e 2mila542 ore di Cigd (+22,2).

La fotografia scattata dal 7°Rapporto Uil – Servizio Politiche del Lavoro conferma un mercato del lavoro in chiaro-scuro: la richiesta complessiva di cassa integrazione nei primi sette mesi dell’anno (gennaio-luglio 2017) si attesta a quota 2,1 milioni di ore, in calo del 28 per cento rispetto allo stesso periodo del 2015.

«Purtroppo i dati dimostrano, ancora una volta, che la ripresa economica nei nostri territori è debole – commenta il segretario generale della Uil di Lecce, Salvatore Giannetto – non in grado di dare una reale svolta alla crescita economica. I livelli elevati di Cigs mostrano come una larga fetta di manifattura sia in sofferenza e continui a mantenere orari di lavoro ridotti a fronte di una produzione che riflette le difficoltà del periodo. Abbiamo bisogno di una politica economica espansiva ed aggressiva di sviluppo e di sostegno alla domanda interna, che può e deve trovare soluzione nella legge di stabilità 2017, attraverso un sostanziale taglio delle tasse che gravano sui lavoratori e pensionati, nel rinnovo dei contratti pubblici ed investimenti di opere infrastrutturali pubbliche per rilanciare i cantieri, così come riteniamo fondamentale che il Governo non riduca gli incentivi alle nuove assunzioni».

Intanto il sindacato informa che in vista della IX Conferenza d’organizzazione che si terrà nel prossimo mese di novembre, la Uil nazionale ha ideato un concorso fotografico intitolato “Lavoro. Attenzione ai particolari”. Si può partecipare al concorso fotografico con un massimo di tre scatti che raccontino come il mondo del lavoro sia cambiato negli ultimi 30 anni sia in termini di evoluzione tecnologica sia in termini di rivoluzione ecologica, innovazione produttiva e modalità di prestazione lavorativa.

Le foto selezionate saranno esposte in occasione della conferenza d’organizzazione del sindacato e i primi tre classificati saranno ospiti della Uil a Roma per la premiazione. Per partecipare c’è tempo fino al prossimo 15 settembre (info su www.uil.it). «La Uil – afferma il segretario provinciale Giannetto – si prepara a un appuntamento importante qual è quello della conferenza d’organizzazione, un’organizzazione che cambia come conseguenza naturale ai cambiamenti del mondo del lavoro. Il sindacato vuole stare al passo con i tempi e per farlo ha costruito negli anni un rapporto di conoscenza diretto dei propri iscritti in modo da potere cogliere insieme a loro le sfide che ogni giorno ci giungono da diversi fronti.

La Uil in provincia di Lecce ha colto nel tempo, e continuerà a farlo, sfide e opportunità che possano portare allo sviluppo del Territorio, il quale non può prescindere da una maggiore diffusione della cultura del lavoro e dell’impresa per contrastare i livelli preoccupanti di disagio sociale che si registrano in provincia.Invito, pertanto, quanti lo desiderino a partecipare a questa iniziativa per includere il territorio salentino nel racconto che la Uil vuole fare del mondo occupazionale odierno».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *