• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Lavoro, Salento

Salumificio Scarlino, dipendenti amareggiati per l’ennesimo rinvio dell’incontro con amministratore

“I dipendenti del salumificio Scarlino di Taurisano (Le) sono amareggiati e anche arrabbiati per l’ennesimo rinvio dell’incontro in Regione da parte dell’amministratore unico Attilio Scarlino”.

A renderlo noto è la Flai Cgil della provincia di Lecce: “Nell’ultimo incontro, tenutosi lo scorso 10 febbraio, – spiegano dalla Flai – l’amministratore aveva preso diversi impegni, tra cui quello di presentare il piano di rilancio con modalità, tempi, collocazione e formazione dei dipendenti, impegnandosi anche a riprendere corrette relazioni industriali”.

Nessun impegno è stato mantenuto, come lamenta la Flai: “I lavoratori vedono avvicinare la scadenza della cassa integrazione straordinaria (agosto 2016, ndr) senza nessuna certezza di ripresa”.

Se l’amministratore continua a far slittare gli appuntamenti in Regione, le preoccupazioni tra i lavoratori legittimamente aumentano”, sottolinea l’organizzazione sindacale.
“Ci chiediamo perché l’azienda non proceda con quanto promesso! Questo temporeggiare non fa altro che danneggiare i lavoratori e il territorio”, aggiungono dalla Flai.

Ricordiamo che, sin da novembre 2015, Attilio Scarlino aveva rilasciato dichiarazioni pubbliche, a mezzo stampa, in merito al rientro imminente di tutti i 60 dipendenti al momento in CIGS”, sottolinea il sindacato: “A distanza di sei mesi, non solo i dipendenti non hanno ricevuto risposte, ma assistono a un atteggiamento di inspiegabile indifferenza da parte dell’azienda”

“Chiediamo che questa azienda si assuma le proprie responsabilità”, conclude la segreteria provinciale della Flai Cgil, “e dia risposte serie ai 60 lavoratori e alle altrettante famiglie di questo territorio, il cui futuro appare senza alcuna certezza”. Una volta esauriti gli ammortizzatori sociali, infatti, i lavoratori perderebbero il posto di lavoro e sarebbero collocati in mobilità.
“Ci aspettiamo che la Regione, e per essa l’assessorato competente, attivi il tavolo regionale per le emergenze occupazionali (Sepac)”
“Alle istituzioni locali chiediamo l’interessamento verso questa vertenza che coinvolge centinaia di cittadini, tra lavoratori e famiglie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *