Cultura, Libri, Salento, Tricase

“SANGUE DI GIUDA”, IL PRIMO ROMANZO DELLO SCRITTORE TRICASINO GRAZIANO GALA

TRICASE – Esce oggi, giovedì 15 aprile, i tutte le librerie e online, «Sangue di Giuda», il coraggioso e lancinante romanzo d’esordio dello scrittore tricasino Graziano Gala edito da minimum fax http://bit.ly/SangueDiGiuda_GrazianoGala.

Per presentare il suo romanzo Graziano Gala insieme al suo editor Fabio Stassi sarà ospite questa mattina alle 10,00 della trasmissione radiofonica di Radio Capital “Le Mattine – Ora Daria condotta da Daria Bignardi e Stefano Sgambati

«L’altra sera s’hann arrubbato ’o televisore». Comincia così questa storia, con una sparizione, proprio mentre Pippo Baudo riempiva lo schermo. Le stanze, di colpo, «si sono messe tutte a sudare», e all’improvviso è scoppiato il silenzio.

A raccontarlo a un commissario, nella sua lingua sgrammaticata, un misto sporco tra pugliese e campano, è Giuda o Giudariè, un vecchio che abita nel mezzo di un paese qualunque del meridione, Merulana. Oltre che con quel televisore, Giuda condivide la sua solitudine con Ammonio, un gatto dalla vescica ballerina, e con il fantasma del padre, che è ancora arrabbiato con lui e non perde occasione per terrorizzarlo. È stato proprio questo padre manesco e sregolato a cambiargli il nome di battesimo, compromettendone l’esistenza e imprimendogli a sangue questa nuova e infamante identità da delatore.

Ora, a cinquant’anni di distanza, il furto del Mivar restituisce Giuda alla stessa strada della sua infanzia e ai suoi traffici eterni, agli insulti e alle compassioni, alla sua umanità violenta, derelitta e disperata.

Da qui inizierà la sua discesa nel regno delle anime notturne e soltanto alla fine di questo lungo viaggio, cantato con amara ironia nell’epica popolare del dialetto, il protagonista potrà finalmente recuperare, a un prezzo altissimo, un po’ della sua dignità usurpata e, forse, il nome perduto.

 Graziano Gala nasce a Tricase il 19 settembre 1990. Nel 2012 vince il premio “Lo scrivo io”, indetto da “La Gazzetta del Mezzogiorno” nella sezione poesia. Il suo racconto “Variabili impazzite”, viene inserito nella collana “Chi semina racconti 2”, curato dall’associazione “Tha Piaza Don Chisciotte”.

Nel 2013 vince il premio speciale della giuria nel “Premio internazionale di cultura” indetto dall’AEDE (Association Européenne des Enseignants). Due suoi racconti vengono selezionati nel bando “Bollenti spiriti”, indetto dalla Regione Puglia, dando origine al volume collettaneo “Parole battute”. Si qualifica terzo al “Premio Nazionale Bukowski” di Viareggio.

Nel 2016 il suo racconto “Sabotare il silenzio”, viene pubblicato in un’antologia edita da “Testi&Testi” e vince il premio “Carlo Cultrera”. Nello stesso anno un suo racconto viene selezionato dall’associazione “Onalim” e letto durante la Piano City Milano 2016 e nella scuola di scrittura “Belleville”.

Nel 2018 con Felici diluvi, 14 racconti, 14 storie, veloci da leggere e difficili da dimenticare, che hanno per protagonisti persone vere, reali, inaspettate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.