Regione Puglia, Salute

SANITA’ DISSANGUATA – RESTANO SOLO I CENTRI TRASFUSIONALI DI TRICASE E SAN GIOVANNI ROTONDO?

A rischio 12 milioni di euro disponibili per l’adeguamento delle strutture trasfusionali. Le Asl non si sarebbero attivate nei tempi previsti

La situazione mette a rischio l’intera assistenza sanitaria in Puglia ed in provincia di Lecce: il rischio, se così fosse, è che in tutta la regione potrebbero esistere solo due centri trasfusionali a Tricase ed a San Giovanni Rotondo e le conseguenze potrebbero essere devastanti per l’intera assistenza sanitaria.

La promessa da parte dei direttori generali e dell’Assessore regionale alla sanità Donato Pentassuglia ai presidenti delle associazioni che si occupano della raccolta di sangue come l’Avis, Cives, Fratres e Fidas era quella di presentare dei piani di spesa entro i primi giorni del mese di ottobre per poter adeguare le strutture pugliesi e salentine.

Nelle scorse ore l’audizione in commissione a Bari per l’ascolto delle voci dei rappresentati. La posizione delle associazioni è chiara.

Mercoledì a Bari nel pomeriggio si terrà un nuovo incontro per valutare le iniziative da intraprendere e pianificare una strategia.

La situazione è delicata, la richiesta è quella che si chieda la proroga del termine del 31 dicembre per la spesa dei fondi FESR disponibili per l’accreditamento delle strutture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *