Lavoro, Politica, Salento, Salute

SANITA’ STRESSATA: SALVA PER UN PELO, VA AL PRONTO SOCCORSO PER DOLORI AD UNA GAMBA E LE DICONO CHE SONO DOLORI MESTRUALI.


Che il Salento soffra particolarmente i tagli che recentemente sono stati operati nel settore sanitario e in particolare ospedaliero è cosa ormai nota ed a cui, a quanto si apprende, si starebbe per porre rimedio. Succede così di dover riferire che, proprio sul finire di questa rovente estate, si sono verificati episodi gravi che fanno riflettere sullo stato delle strutture preposte a curare i problemi della salute. Il fatto riguarda una diciottenne ugentina in preda a fortissimi dolori ad una gamba: una domenica sera, quando il dolore è tale da non permettere alla ragazza di camminare, i genitori decidono di portarla al Pronto soccorso di Casarano. Dopo
un’estenuante attesa, la ragazza viene visitata da una dottoressa a fine turno e liquidata con una diagnosi di “dolori mestruali”.

Accade però che la mattina dopo la gamba dolorante si gonfi a dismisura fino alla caviglia. Nuova corsa al Pronto soccorso stavolta di Gallipoli, dove la ragazza viene ricoverata d’urgenza con la diagnosi di tromboflebite: ancora qualche ora e avrebbe potuto perdere la gamba o rischiare addirittura l’ictus o l’infarto a causa delle vene dell’arto quasi completamente ostruite. Nell’ecografia effettuata a Casarano la sera prima il problema, a detta dei medici del “Sacro Cuore”, sarebbe già stato chiaramente visibile.

La madre della 18enne racconta: «Il primario ci ha detto che sono state perse 24 ore che potevano essere determinanti. L’importante ora è che lei stia bene e che non avrà conseguenze, ma fa molta rabbia pensare a quello che è successo. Nonostante ci siano i presupposti non sporgeremo denuncia. Vorremmo però che questa storia si sapesse, per far riflettere sui rischi a cui i cittadini sono esposti loro malgrado a causa della gestione degli ospedali. La carenza di personale e l’affollamento sono pericolosi. Non ci si può rivolgere a queste strutture con la necessaria fiducia».

fonte: Piazzasalento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.