• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Lavoro, Puglia, Sanita'

Sanita’ – Via alle assunzioni in Puglia per oltre 51 milioni di euro.

di Roberta Grima

Sbloccate le deroghe per le assunzioni nella sanità pugliese. La notizia arriva da Bari, dopo la decisione della giunta regionale di autorizzare un ulteriore via libera all’arruolamento di medici, infermieri, oepratori socio sanitari,tecnici, ecc.. per oltre 51 milioni di euro. Lo sblocco – si legge in una nota della giunta pugliese – é stato possibile grazie al tesoretto accantonato con il risparmio della spesa sul eprsonale relativa al 2013.

Alla luce di ciò le Asl dovranno adottare a breve un piano assunzionale da spedire entro un mese dalla notifica del provvedimento regionale, al dipartimento della salute della regione Puglia. Gorgoni che presiede il dipartimento, dovrà valutare e monitorare il budget di spesa che deve rientrare nel limite previstodalla legge 191 del 2009.

La decisione della giunta pugliese nasce dall’obbligo di dover attenersi alle nuove regole della normativa europea che stabilsice un riposo di 11 ore tra un tunjro e l’altro del dipendente santiario, il che è diventa difficile, se non impossibile, con la carenza di personale che c’è. Già da tempo la Puglia avrebbe dovuto rispettare la noram europea rispetto alla quale adesso non si può più rinviare.

Nella predisposizione del piano assunzionale, le aziende sanitarie possono:

– modificare e/o riconvertire i profili professionali dei dipendenti, in altri ritenuti più necessari.
– procedere alla modifica quali-quantitativa della dotazione organica con le procedure previste dalla deliberazione di G.R n.3286/1998, da sottoporre all’approvazione della Giunta pugliese
– avviare, nelle more dell’approvazione da parte della Giunta Regionale del piano assunzionale, le procedure per il reclutamento del personale, con esclusione dei Direttori di struttura complessa che restano soggetti ad approvazione, nei limiti economici previsti e dei risparmi derivanti dalle cessazioni intervenute negli anni 2014 e 2015.

Con la finanziaria approvata il 28 dicembre del 2015, il Ministero della Salute ha chiesto a tutte le Regioni, di predisporre un piano concernente il fabbisogno di personale contenente l’esposizione delle modalità organizzative del personale, tale da garantire il rispetto delle disposizioni dell’Unione europea in materia di articolazione dell’orario di lavoro.

Questa la sintesi del fabbisogno del personale in attuazione del D.lgs 161/2014, relativamente alle strutture ospedaliere regionali, da cui si evince la situazione del personale sanitario come di seguito sintetizzato:

DIRIGENTI MEDICI :4935 sono già in servizio nelle Asl pugliesi, il fabbisogno é di 7992, con il nuovo riordino ospedlaiero sarà di 6400

DIRIGENTIE SANITARI attualmente sono operativi 319, ne mancherebbero all’appello 509, alla luce del nuovo riordino ospedlaiero ne serviranno 319

PERSONALE INFERMIERISTICO sono in corsia 12.000 infermieri, ne servirebbero 13563, ne dovranno arrivare 11.143 con il nuovo assetto ospedaliero.

TECNICI SANITARI: sono al lavoro 1635, 2298 mancherebbero all’appello, ma con la rete ospedlaiera nuova, ne basteranno 1264

RIABILITAZIONE: 230 sono gli addetti ai serivizi riabilitativi, 332 gli assenti, 237 quelli che arriveranno

OSS: 847 sono in servizio, 3522 sono quelli mancanti, 3558 quelli previsti in arrivo.

AUSILIARI: al lavoro sono 1704, 2086 quelli che mancano, 3083 quelli stabiliti con il riordino ospedaliero.

In particolare per quanto riguarda il servizio di emergenza urgenza nella regione Puglia, la situazione del personale é la seguente:

DIRIGENTi MEDICI: sono operativi 1091 medici in tutta la Puglia, ne servirebbero 1863, sono però previsti 772 con la nuova rete di emergenza – urgenza

DIRIGENTI SANITARI: non ve ne sono, nè sono previsti

INFERMIERI: sono in servizio 2946 infermieri, 3811 quelli che mancano all’appello, previsti 865

TECNICI SANITARI: in servizio attualmente sono 25, all’appello ne mancherebbero 47, ma ne arriveranno 22

OSS: sono 226, il fabbisogno é pari a 1026, con il nuovo riordino ne arriveranno 800

AUSILIARI: al lavoro sono 387, 638 quelli assenti, 251 quelli previsti.

Il personale complessivo per la rete dell’emergenza – urgenza in Puglia é di 4675 dipendenti, il fabbisogno attuale é di 7385, con la nuova rete del servizio il fabbisogno passerà a 2710

Via alle assunzioni in Puglia per oltre 51 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *