• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia

SEMPRE PIÙ TASSE SU IMPRESE, LAVORO E IMMOBILI.

L’Italia è al 6° posto nella graduatoria 2014 dei 34 paesi Ocse per il cuneo fiscale sul lavoratore senza famiglia a carico. Secondo la Corte dei Corti la pressione fiscale nel nostro Paese è il 12% in più rispetto alla media e riguarda soprattutto i redditi d’impresa e da lavoro, seguiti dalle imposte su consumi e patrimoniali.

E andando a leggere l’aliquota di tassazione calcolata dall’Eurostat sul Sole24Ore, si nota come quella italiana sia sempre più alta rispetto a quelle europee: del 42,8% sul lavoro (contro il 36,2% della media Ue), del 26,5% sull’impresa (contro il 16,2% della media Ue), del 17,7% sui consumi (contro il 19,8% della media Ue) e dell’1,6% sugli immobili (l’1,5% a livello europeo).

Nel Rapporto 2015 della Corte dei Conti sul Coordinamento della finanza pubblica si evidenzia che dopo sette anni di manovre si sia arrivati oggi ad sistema impositivo basato “su aumenti sul patrimonio immobiliare, sui consumi e sulle rendite – ben 700 misure di intervento fiscale – senza un’equivalente riduzione del prelievo sui fattori produttivi”.

I tagli annunciati dal Governo di Imu e Tasi difficilmente potranno stimolare la crescita dei consumi e del Pil se non saranno accompagnati da politiche fiscali che favoriscano investimenti e sviluppo produttivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *