• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cronaca, Societa', Specchia

SPECCHIA, LA GIUNTA DA’ UN MANDATO LEGALE PER DIFENDERE L’IMMAGINE DELLA CITTA’.

SPECCHIA – Il Comune di Specchia non ci sta e respinge con forza l’immagine distorta emersa dai media dopo l’omicidio di Noemi Durini .

La citta’ non può essere screditata, a causa di un accadimento tanto doloroso che ha coinvolto tutti e per il quale l’intera comunità sente di essere una “vittima”.

Per questo motivo l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Rocco Pagliara, al fine di tutelare il buon nome della citta’ ha deciso, ieri con una Delibera di Giunta di fornire atto di indirizzo per la nomina di un legale per la difesa dell’immagine o dell’onorabilita’ 

L’omicidio della 16enne di Specchia è ancora attuale, fa parlare e riempie le pagine di tutti, gli organi di informazione locale e nazionale.

Tanti giornalisti hanno provato a descrivere Specchia in modo spropositato, senza entrare e conoscere la realtà, definendo la cittadina “un villaggio dal nome sconosciuto, che tutti imparano per le ragioni più atroci, villaggio senza età né futuro” , diffamando di fatto con insinuzioni prive di ogni fondamento.

Da sempre  Specchia è costantemente impegnata nel promuovere le proprie bellezze storico-artistiche-architettoniche e culturali.

Con il passare degli anni, Specchia è divenuta un’eccellenza turistica della provincia di Lecce, si è affermata come uno dei borghi più belli d’Italia, uno dei comuni gioiello d’Italia ed è stata insignita della Bandiera arancione del Touring Club, oltre ad avere una Pro Loco cittadina e un Ufficio Informazione Accoglienza Turistica ben strutturati e che svolgono un ruolo cardine per l’accoglienza turistica e che accolgono ogni anno circa 10.000 turisti.

“Il paese ha un tessuto sociale e culturale sano ed è complessivamente un borgo vivo e sopra la media sia in termini qualitativi che quantitativi spiega il sindaco Pagliara – comprendiamo il diritto di cronaca e lo rispettiamo, ma c’è un limite a tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *