• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Asl, Salento, Sanita'

TEMPESTIVITA’ NEI PAGAMENTI, LA ASL LECCE SALDA IN ANTICIPO RISPETTO ALLE SCADENZE

SALENTO – Da 20 giorni di ritardo del marzo 2016 ai 6 di anticipo del giugno 2017: una buona notizia per i fornitori, per i quali la liquidità è un fattore importante nell’attività d’impresa, e anche per lo stato di salute dell’Azienda sanitaria leccese, che con questo balzo in avanti dimostra d’essere un “ottimo pagatore”

Da 20 giorni di ritardo del marzo 2016 ai 6 di anticipo del giugno 2017: la scadenza delle fatture non è più un problema per i fornitori. L’Indice di Tempestività dei Pagamenti della ASL di Lecce, in poco più di un anno, è infatti migliorato in modo continuo e graduale sino a raggiungere tra il marzo e il giugno scorsi l’area degli Enti virtuosi, in grado cioè di pagare le fatture anche prima della scadenza. Una buona notizia per i fornitori, per i quali la liquidità è un fattore importante nell’attività d’impresa, e anche per lo stato di salute dell’Azienda sanitaria leccese, che con questo balzo in avanti dimostra d’essere un “ottimo pagatore”.

L’ITP, l’indice di tempestività pagamento fornitori, misura il ritardo (o l’anticipo) medio di pagamento espresso in giorni – su base standard europea – rispetto ai 60 giorni previsti dalla normativa per saldare le fatture a tutti i fornitori, al netto delle fatture contestate e di quelle non riferite a transazioni commerciali. E’ l’indicatore impiegato dalla Regione Puglia per valutare, nel quadro della macroarea connessa agli aspetti economico-finanziari ed efficienza operativa, gli obiettivi di performance delle Asl e, in generale, della gestione sanitaria.

Nel caso delle ASL pugliesi l’indicatore ha avuto una notevole progressione, passando dai 290 giorni del 2011 ai 57 giorni del 2015 fino ai 28 del 2016. Quella di Lecce, con un dato medio pari appunto a meno 4 giorni a fine marzo e meno 6 a giugno, sale sul podio delle migliori ASL pugliesi, riuscendo a centrare, e anche con un ampio anticipo, l’obiettivo “zero giorni” fissato dalla Regione Puglia per il 2017.

Un ottimo risultato, peraltro in netta controtendenza anche rispetto all’indicatore DSO (days of outstanding sales), utilizzato da Assobiomedica per misurare i tempi medi di pagamento delle strutture sanitarie pubbliche ai fornitori. In questo caso, però, il calcolo realizzato dal Centro Studi della Federazione di Confindustria comprende le sole imprese fornitrici iscritte.

E, comunque, anche nel confronto con i dati di Assobiomedica (riferiti a maggio 2017), l’azienda sanitaria salentina risulta in vetta tra quelle pugliesi, con una media di 102 giorni di attesa rispetto ai 136 del dato complessivo della Puglia e ai 135 di quello nazionale. Anche nei pagamenti alle imprese, insomma, esiste un Sud che funziona – ed è in Puglia – ed è al passo con l’Italia migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *