Cultura, Eventi, Tricase

“TERESA HA GLI OCCHI SECCHI” IL NUOVO ROMANZO DI ALBERTO COLANGIULO DAL 12 LUGLIO IN LIBRERIA

“Teresa ha gli occhi secchi” (Lupo Editore) è il nuovo romanzo di Alberto Colangiulo, già autore del fortunato  “Il tesoro di Sant’Ippazio” (Lupo Editore). Sulla scia dell’esordio l’autore ci racconta una storia ambientata nel basso Salento e più precisamente nel Porto di Trecaze. Un po’ di storia locale, qualche enigma da risolvere e tanto mare in un romanzo noir dal respiro mediterraneo.

Dalla seconda di copertina:

Il mare è così: o ti porta santi o ti porta tempeste.

Basso Salento, Porto di Trecaze. In questo ultimo sud d’Italia scolpito dalle acque un veneziano, vagabondo del mare, trova riparo durante una tempesta. La sua vela è distrutta e lui, costretto a stanziarsi, riesce a far breccia negli animi degli abitanti del borgo. E non solo. Mette su una birreria proprio sul molo del porto e col tempo trasforma quell’osteria marinara in un punto di ritrovo per gli amanti della libertà, in rifugio per solitari e bettola per baldorie. Mesce birra a fiumi e cucina da dio, canta e incanta come un prestigiatore: tutti lo amano e lo venerano e la sua taverna, ogni sera, è meta di nuovi curiosi e vecchi habitué.

Ma in un mattino di fine novembre il suo corpo viene ritrovato in una marmitta a galleggiare nel lento moto di un mare in bonaccia.

Fra sguardi sospetti e poche parole di una muta comunità il maresciallo Gerardi e l’appuntato Nardi indagano sull’omicidio; ma entrambi si ritroveranno a investigare su se stessi, sulla parte buia della loro anima e sulle loro emozioni. Dovranno navigare nel proprio mare nero, in quella dimensione interiore che si nutre del male che è in noi.

Il ‘Vara: una santo portato dal mare che ha scatenato tempeste.

Perché ognuno di noi può essere luce e tenebra, angelo e demone, santo e tempesta.

E anche quando facciamo del bene possiamo scatenare l’inferno.

Bello da vedere anche il  booktrailer  realizzato da un gruppo di amici dello scrittore che hanno prestato le loro capacità artistiche e tecniche per la realizzazione. Luca Roveda (@goproluca86) per le riprese aeree e il montaggio, Alberto Scolozzi (Scolozzi) per la regia, Paola Ingegnatti di acquolinainblog per i consigli, Federico Mauro per la musica.  Ed ancora grazie ad Edoardo De Francesco per essersi prestato a ruolo di protagonista, ad Antonio Altomonte e Rocco Ruberto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *