Economia, Salento

TRA GENNAIO E MARZO 2015 CRESCE DEL 16,5% L’EXPORT DELLE IMPRESE SALENTINE.

Buone notizie per l’export salentino: nel primo trimestre 2015 registra una crescita del 16,5% rispetto ai primi tre mesi del 2014 per un valore superiore ai 108 milioni di euro, mentre le importazioni sono state oltre 72 mln di euro. Il saldo è pertanto positivo per  poco più di 36 milioni di euro. Lecce è la provincia pugliese che ha registrato la miglior performance,  segue Bari le cui esportazioni, pari a un miliardo di euro,  tra gennaio e  marzo sono cresciute del 3,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La provincia di Taranto con 311 mln di merci esportate, realizza una variazione negativa pari a -22,8%; le imprese foggiane  hanno  esportato merci per un valore di 176,8 mln (-17%), Brindisi, invece, ha esportato beni per un valore di 197 mln (-11,7%) la Bat ne ha esportato per un valore di  111,3 mln  (-5,4%). Complessivamente, però, la regione Puglia registra una flessione nell’export del -5,5%, collocandosi tra le regioni italiane che nei primi tre mesi dell’anno hanno frenato l’export, insieme alla Sicilia (-21,8%) e alle Marche (-6,7%). Tra le regioni, invece, che hanno contribuito in maniera rilevante alle vendite all’estero rientrano il Friuli Venezia Giulia (+31,8%), il Veneto (+5,9%) e il Piemonte (+5,5%).

 I settori dell’export

Le imprese calzaturiere salentine  con 12,6 mln di fatturato hanno raddoppiato (+100,4%) le vendite estere, rispetto al primo trimestre dello scorso anno; anche il settore tessile registra una crescita del 20,5% e vendite estere per 2,3 mln, mentre il comparto dell’abbigliamento, con 10,7 mln, registra una flessione dell’8,13%. Un’ottima performance realizza il comparto dei macchinari e apparecchiature con un volume d’affari estero di  circa 46 mln e una crescita quasi del 30% rispetto al primo trimestre del 2014. Diminuite, invece, di circa il 23%, le esportazioni di prodotti in metallo, per un volume  di affari estero  di 4,4 mln; le esportazioni di articoli in gomma hanno registrato un incremento del 74,3% per un valore di  3,2 mln di euro. Leggermente  aumentato (+1,76%) l’export  di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi  che ha sviluppato un giro d’affari estero di 7,2 mln di euro.

Principali prodotti esportati – Provincia di Lecce – 1° trimestre 2015

I settori dell’import

Le importazioni delle imprese salentine nei primi tre mesi dell’anno sono aumentate complessivamente del 12% per un valore di 72,2 mln di euro. La fetta più consistente di acquisti effettuati all’estero riguarda i prodotti alimentari per 11,8 mln le cui importazioni registrano una leggera flessione (-0,90%) rispetto al medesimo periodo del 2014. Le imprese salentine hanno importato prodotti della metallurgia per 6,8 mln raddoppiando il loro import (100,4%) rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno, anche  gli acquisti esteri di macchinari e apparecchiature è cresciuto del 27,8% per un volume di affari pari a 6 mln. Le importazioni di articoli in pelle crescono del 93,4% per un valore pari a  5,4 mln. Diminuiscono, invece, gli acquisti dall’estero di  prodotti agricoli (-4,4%) che ammontano a 7,6 mln e degli articoli di abbigliamento  (-15,5%) pari a 4,7 mln. Anche le importazioni di articoli in gomma e materie plastiche registrano una flessione (-7,8%) per un valore di 4,6 mln di euro.

 I Paesi

I mercati europei assorbono il 71,5% del valore delle esportazioni per complessivi  77,4 mln di euro, in crescita del 29% rispetto  ai primi tre mesi  del 2014.

L’11,1% delle esportazioni salentine, circa 12 mln di euro, è diretto verso i paesi africani (+2,46%) e un ulteriore 10,9% verso l’America (+4,6%). I mercati asiatici assorbono il 5,6%  dell’export per un valore pari a 6 mln e nei primi tre mesi dell’anno c’è stata una netta flessione (-32,7%) rispetto al medesimo periodo del 2014. Si confermano marginali le esportazioni verso i mercati dell’Oceania appena lo 0,9% del totale, per un valore  di un milione di euro, anche se nel trimestre in esame sono cresciute del 3,7%. Si conferma la Francia il principale mercato di sbocco dei prodotti “made in Salento”, con  circa 14 mln di merci esportate, e un incremento rispetto al primo trimestre 2014 del 29,6%; i cugini francesi acquistano  dalle imprese salentine  macchine e  apparecchiature per (circa 6 mln) e calzature (2,8 mln), mentre le imprese salentine importano prodotti alimentari, essenzialmente carne lavorata, per oltre 4 mln.  La Svizzera  e la Germania sono gli altri partners commerciali di rilievo in ambito europeo: la prima con circa 10 mln di merci acquistate dalle imprese leccesi (+14,2%), e la Germania  con  8,4 mln  e un incremento nel trimestre considerato del 19,7%. Le imprese elvetiche acquistano  dal Salento capi di abbigliamento (4,6 mln) e calzature (2,2 mln), mentre quelle tedesche macchinari ed apparecchiature (oltre 4 mln) e vino (1,3 mln). Dalla Germania il Salento acquista soprattutto prodotti alimentari (1,5 mln) in particolare prodotti lattiero-caseari e carne, nonchè articoli in gomma (2,7 mln).  Da sottolineare la crescita dell’export verso il Regno Unito che tra gennaio e marzo ha registrato un vero e proprio exploit: + 416%  per un valore di 7 mln di merci vendute, di cui 6 mln di macchinari e apparecchiature.

 Gli Stati Uniti d’America sono il secondo mercato estero  per le imprese salentine che fatturano alle imprese di oltre oceano 10,5 mln di euro, di cui oltre 8 per macchinari e apparecchiature, e un incremento ragguardevole nel trimestre considerato del 37,7%. Tra i paesi del continente africano è l’Algeria il più importante partner commerciale con acquisti effettuati nei primi tre mesi del 2015 per 6,4 mln (1,53%),  dei quali 4,7 mln spesi in cemento, calce e gesso.

Import-export Provincia di Lecce per paese – 1° trimestre 2015

Paesi IMP2014 IMP2015 EXP2014 EXP2015 imp var % 14/15 exp var % 14/15
 Francia             7.949.259           8.112.493        10.712.141      13.881.535 2,05 29,59
 Stati Uniti             2.832.008           2.012.870          7.664.278      10.556.239 -28,92 37,73
 Svizzera                957.225               271.220          8.748.734        9.997.840 -71,67 14,28
 Germania          12.103.824         10.020.296          7.085.676        8.483.623 -17,21 19,73
 Regno Unito                884.200               640.033          1.366.019        7.047.787 -27,61 415,94
 Algeria                715.600               433.335          6.323.364        6.420.242 -39,44 1,53
 Albania             3.613.709           6.029.200          4.578.889        5.699.219 66,84 24,47
 Turchia             2.127.910           6.571.666          2.980.175        4.657.936 208,83 56,30
 Belgio             2.805.566           2.387.838          2.260.641        3.845.371 -14,89 70,10
 Spagna             4.003.880           3.205.717          2.330.054        3.415.111 -19,93 46,57
 Paesi Bassi             4.281.935           4.167.721          2.896.556        3.224.495 -2,67 11,32
 Danimarca                237.084               154.364          2.407.926        2.722.734 -34,89 13,07
 Resto del mondo          21.925.888         28.209.232        33.555.824      28.306.679 28,66 -15,64
 Totale          64.438.088         72.215.985        92.910.277    108.258.811 12,07 16,52

Fonte Istat – elaborazioni Ufficio Statistica e Studi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *