Economia, Finanziamenti, Politica, Tricase, Tricase Porto

TRICASE, 1,279 MILIONI DI EURO PER TRICASE PORTO E 200MILA EURO PER IL DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO

TRICASE – Un milione e 279mila euro rivenienti dall’aggiudicazione del bando dei paesaggi costieri per il progetto di riqualificazione di Tricase Porto e 200mila euro per il DUC (Distretto Urbano del Commercio).

Il Comune di Tricase guidato da Carlo Chiuri porta a casa due importanti finanziamenti. Con il milione e 279mila euro del bando Paesaggi Costieri verranno rigenerate Borgo Pescatori e Punta Cannone.

In particolare nella zona della foto sotto in zona Punta Cannone dovrebbe essere previsto un giardino vista mare. 

Per Borgo Pescatori, luogo incantevole dove hanno sempre abitato pescatori e contadini si parla di farlo rivivere in tutto il suo splendore creando un albergo diffuso che sarebbe unico nel suo genere.

Per quanto rigurda i 200mila euro del DUC (Distretto Urbano del Commercio) la consigliera comunale Federica Esposito fa sapere:

“L’amministrazione Comunale è felice di comunicarvi che il nostro Comune, grazie al progetto presentato dal DUC Tricase (Distretto Urbano del Commercio) in sede di partecipazione ad un bando regionale, ha ottenuto un finanziamento di € 200.000,00 volto alla riqualificazione di un’ importante area coperta dal nostro Distretto.

Ciò consentirà non solo di potenziare l’area del commercio interessata , ma di portare avanti un’efficace attività di promozione/ marketing del DUC di Tricase. Sarà nostra cura informarvi sull’avanzamento del progetto.”

Questi soldi saranno adoperati soprattutto per la riqualificazione degli spazi e interventi di arredo urbano. Il progetto esecutivo dell’intervento sarà messo a punto previo coinvolgimento delle categorie interessate.

1 Comment

  1. Ma mi domando e dico…:e le strade dissestate che fanno davvero pieta’ ???? povero tricase e poveri noi. Pensiamo prima al dilettevole e poi all’utile. Ma il buonsenso a tricase dove sta ? nelle cucuzze vuote degli amministratori ? distinti saluti.

Rispondi a antonio de blasi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *