Politica, Tricase

TRICASE, ALESSANDRO DISTANTE PROPONE LE “PRIMARIE” PER IL CENTROSINISTRA

Alessandro Distante: "in questo modo la proposta di sintesi verrebbe capita dai cittadini e darebbe un valore aggiunto al vincitore delle primarie."

TRICASE – Con una nota stampa giunta oggi l’avvocato Alessandro Distante, probabile candidato alle prossime elezioni comunali appoggiato da un “gruppo civico” lancia la proposta delle primarie.

Al momento il centrosinistra estremamente frammentato rischia di esprimere ben 4 candidati Sindaco. Gia’ certi in quanto hanno ufficializzato la loro discesa in campo sono: 

Carmine Zocco con il suo Cantiere Civico, (LEGGI QUI) Antonio De Donno appoggiato da Partito Democratico e Leu (LEGGI QUI),

a cui si dovrebbero aggiungere lo stesso Alessandro Distante (LEGGI QUI)  

e  Giovanni Carità che conta sul sostegno del MoVimento 5 stelle e probabilmente di due liste civiche.

Non meno complicata la situazione nel centro destra tricasino che al momento conta due aspiranti alla poltrona di Palazzo Gallone.

Donato Carbone (LEGGI QUI) del movimento politico “SUD IN TESTA” ispirato dal Parlamentare Europeo On.le Andrea Caroppo

e Federica Esposito del “Gruppo centrodestra Tricase”  (LEGGI QUI) con l’incognita di Fratelli D’Italia (LEGGI QUI) che chiede di essere coinvolta nelle scelte e di fare sintesi.

Ci vorrebbero le primarie anche qui.

 

Di seguito la lettera:

“A fronte di una molteplicità di proposte elettorali per la candidatura a sindaco di Tricase ho proposto e sostenuto le consultazioni primarie perché ho avvertito ed avverto il disagio dei cittadini e la loro richiesta di trovare sintesi intorno a persone e programmi.

Ho avanzato questa proposta nel corso di vari incontri e direttamente a tutti i possibili candidati sindaci che si rifanno al centro sinistra. Mi è stato risposto che non vi erano i tempi.

Ho insistito ed insisto nel sottolineare che le primarie, o un’indagine da commissionare ad agenzie specializzate, sarebbero l’unica strada perché tutti facciano un “passo avanti”.

Ho anche più volte sottolineato che soltanto in questo modo la proposta di sintesi verrebbe capita dai cittadini e darebbe un valore aggiunto al vincitore delle primarie.

Le mie ragioni e le mie indicazioni ad oggi non sono state recepite.

Peraltro – e ci tengo a sottolinearlo – potrei pure non occuparmi di primarie perché il mio gruppo è un gruppo civico ed io non sono iscritto ad alcun partito. Ciò nonostante non mi pare utile offrire agli elettori una rappresentazione così frazionata delle proposte elettorali perché diventano difficilmente distinguibili e comprensibili.

A questo punto rendo pubblica la mia proposta anche per dare doverosamente conto ai cittadini di come io e il mio gruppo ci siamo mossi e intendiamo muoverci e perché ognuno tragga le sue conclusioni ed esprima i suoi giudizi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *