Politica, Tasse

TRICASE, AVVISI TASI, L’ASSESSORE D’AMICO CHIARISCE

"Diffondere notizie false o fare delle allusioni senza senso non fa bene, e con una semplice telefonata si sarebbe potuto prendere coscienza della realtà, e questo...sempre per il bene di Tricase."

TRICASE – Con un post su facebook l’assessore Gabriele D’Amico con deleghe al Bilancio, Personale, Tributi, Politiche giovanili, Sport, Affari Generali, Agricoltura fa chiarezza sugli avvisi Tasi e risponde agli attacchi provenienti da “Cantiere Civico” che potete leggere nell’articolo sotto.

Vorrei far chiarezza sulla questione relativa agli accertamenti 2015, dato che leggo tante (troppe) informazioni sbagliate (e mi dispiace ancor di più che provengano anche da altri amministratori che mai mi hanno chiesto chiarimenti sull’argomento).

Nell’ultimo periodo molti cittadini hanno ricevuto l’avviso di accertamento relativo all’IMU 2015 (avviso proveniente dal Comune) e relativo alla TASI 2015 (proveniente dalla So.Ge.T. spa).

Come di consueto accade, alcuni degli avvisi inviati risultano erronei. Per l’anno 2015 purtroppo, ne sono risultati leggermente di più, in quanto è subentrato un problema di comunicazione fra Agenzia delle Entrate e Poste Italiane il quale ha determinato alcuni errori di trasferimento dei file dei pagamenti.

Vorrei informare la cittadinanza che i nostri uffici hanno fatto il possibile al fine di limitare al massimo gli effetti di tale errore (comunque non imputabile agli uffici comunali). Nonostante questo, alcuni avvisi contestati da alcuni contribuenti sono risultati erronei, forse a causa della difficoltà degli uffici a reperire ogni informazione necessaria ad eliminare del tutto il problema in quanto la questione coinvolge anche altri soggetti (agenza delle entrate, Poste Italiane, Banche, ecc.) che risulta impossibile coordinare con i mezzi del comune. I funzionari hanno infatti provveduto a controllare le informazioni ricevute dall’Agenzia delle Entrate evitando di inviare tutti gli accertamenti già impacchettati che risultavano erronei sulla base dei nuovi dati.

Rammaricato della situazione, qualora riteniate di aver ricevuto erroneamente l’accertamento, l’unica soluzione risulta contestarlo nelle sedi amministrative. Naturalmente sarà garantita la massima disponibilità all’ascolto.

Tale soluzione risultava obbligata. Il Comune, in persona dei propri funzionari, non solo ha il potere, ma ha prima di tutto l’OBBLIGO di procedere alla riscossione delle imposte. Il contrario avrebbe costituito inadempimento degli obblighi con conseguente danno erariale per l’ente. Di conseguenza, dopo aver preso le massime precauzioni possibili, i funzionari erano obbligati a procedere con l’invio degli avvisi impacchettati sulla base dei dati in loro possesso.

Per facilitare la possibilità di evidenziare eventuali errori, la società So.Ge.T. spa è disponibile mattina e pomeriggio al numero del comune 0833 777 235.

Inoltre, qualora non riusciate a mettervi in contatto mediante il numero del Comune, potrete contattarmi al 338 4705886.

In aggiunta, è possibile scrivere anche all’indirizzo email sportello.tricase@sogetspa.it a cui potrete inviare le vostre osservazioni.

Concludo, chiedendo a tutti, specialmente agli amministratori, di evitare di condividere false notizie o perlomeno, prima di diffondere qualsiasi notizia, di informarsi su come stanno effettivamente le cose. Nello specifico, è il numero di accertamenti erronei per cause imputabili al comune ad essere una “piccolissima percentuale”, non il contrario.

Diffondere notizie false o fare delle allusioni senza senso non fa bene, e con una semplice telefonata si sarebbe potuto prendere coscienza della realtà, e questo…sempre per il bene di Tricase.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *