Calcio, Sport, Tricase

IL TRICASE BATTE PER 2-1 IL TALSANO E DEDICA LA VITTORIA A DINO DELLA TORRE

TRICASE Partita nel nome di Dino Della Torre, il grande portiere della C2, scomparso venerdì scorso: un minuto di silenzio ad inizio gara, ma anche la memoria del grande portiere sipontino che ha animato la rimonta di capitan Jonas Rizzo e compagni.

Il Tricase aveva necessità di una vittoria per alimentare la speranza dell’accesso ai play-out: quando i tarantini sono passati in vantaggio un silenzio incredibile è piombato sul “San Vito”, ma è stato proprio in quel momento che i calciatori rossoblu in campo hanno moltiplicato le loro forze. E sul filo del fischio finale, ecco la rete della vittoria. “Abbiamo giocato per Te, grande Dino”: la dichiarazione finale di capitan Rizzo.

Commento

“Abbiamo lottato palla su palla, e quando tutto sembrava volgersi al peggio, ci siamo spinti all’ultimo assalto, ed è stata la vittoria: abbiamo giocato, sofferto e gioito per Te, grande nostro indimenticabile Amico, portiere che hai regalato al nostro Tricase e a noi che eravamo ragazzi il sogno di vederti immenso portiere con la casacca che noi oggi indossiamo con onore e orgoglio; abbiamo giocato e vinto nel tuo ricordo, grande Dino Della Torre“: il capitano del Tricase, Jonas Rizzo, mentre detta ai cronisti sportivi presenti queste dichiarazioni, dopo la vittoria per 2-1 sul Talsano, piange; no, le sue parole non son per niente di circostanza, sono l’esaltazione di una storia calcistica tutta colorata di rossoblu.

“Dino Della Torre ha nobilitato con le sue stagioni in rossoblu la grande storia del Tricase – aggiunge mister Totò Preite – Egli è stato il portiere della promozione in C2, poi è stato tra i pali di questa nostra società nella sua prima stagione in C2, con mister Mario Russo in panchina e poi, dopo un anno, di assenza, volle ritornarci. Venerdì scorso ci ha lasciati, ma Tricase, la sua squadra, tutti noi gli dovevamo una vittoria. Dino, ti abbiamo onorato, e il tuo spirito sembrava aleggiare sul “San Vito”. Grazie, grande portiere e grande uomo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *