• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Ambiente, Cronaca, Tricase

TRICASE, I CARABINIERI DEL NOE SEQUESTRANO EX STABILIMENTO ADELCHI, RIFIUTI PERICOLOSI

L'Opificio, in stato di completo abbandono e' pieno di ingenti quantità di rifiuti speciali anche pericolosi depositati in modo incontrollato.

TRICASE – I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Lecce, coadiuvati da personale della Polizia Locale di Tricase, hanno proceduto al sequestro dell’intero ex stabilimento calzaturiero dell’azienda “La Nuova Adelchi S.p.a. in liquidazione”, esteso per circa 70mila metri quadrati e costituito da aree scoperte e capannoni industriali, in quanto interessato da ingenti quantità di rifiuti speciali anche pericolosi depositati in modo incontrollato.

L’Opificio, in stato di completo abbandono ed oggetto di furti e vandalismo, risultava interessato dai rifiuti industriali derivanti dalla passata attività, ed in particolare da decine di fusti metallici di varia capacità contenenti rifiuti liquidi e pericolosi (verosimilmente solventi e vernici), alcuni dei quali corrosi dalla ruggine che ne aveva provocato la perdita del loro contenuto, riversatisi sulla pavimentazione sottostante.

Proprio su un’area esterna dell’ex calzaturificio, ove erano anche state asportate le coperture metalliche dei tombini, e’ stato possibile individuare un “pozzo a perdere”, quindi una perforazione nel sottosuolo, priva di camiciatura delle pareti e probabilmente senza impermeabilizzazione del fondo, ove si disperdevano parte delle acque meteoriche di dilavamento del piazzale.

Saranno svolti accertamenti per verificare cosa altro sia stato smaltito nel sottosuolo.

Tutta l’area inoltre era divenuta luogo di conferimento ed abbandono di rifiuti ingombranti, elettrici ed elettronici (R.A.E.E.) nonche’ di combustione illecita degli stessi ad opera di ignoti.

 

La struttura, ancora invenduta, risulta in mano alla curatela fallimentare di cui fa parte lo stesso Sergio Adelchi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *