Cittadini, Sicurezza, Traffico, Tricase

TRICASE, “CARO COMUNE QUELL’INCROCIO E QUELLA STRADA SONO PERICOLOSI, ECCO COSA SI DOVREBBE FARE”

TRICASE – “Abitiamo qui da sempre e frequentiamo questa zona molto spesso e abbiamo visto troppi incidenti. Non sarebbe il caso di fare qualcosa per limitare la velocità?”.

La presa di posizione e la conseguente segnalazione a Tricasenews.it arrivano da un gruppo di cittadini che frequentano giornalmente, chi per residenza, chi per lavoro, chi per altre necessità, vedi poliambulatori dell’Ospedale Cardinale Panico, l’incrocio che interessa tre vie, via Ludovico Ariosto, via Carducci e via Giovanni XIII dopo l’ennesimo incidente, fortunatamente non grave di ieri pomeriggio che ha visto coinvolti un Suv nero e un Fiat Doblo’ bianco.

“Qui gli incidenti e le tragedie si sfiorano ogni giorno. Da Depressa le automobili arrivano a velocita’ sostenutissima, ragion per cui ci vorrebbe un dosso o attraversamento pedonale come quello gia’ realizzato su Corso Apulia che limiti la velocita’ e consenta il tranquillo attraversamento dei pedoni, che sono costantemente a rischio investimento nei pressi dell’ingresso della Casa di Betania.

Una volta giunte sull’incrocio su menzionato le autovetture devono fare i conti con quelle provenienti da via Carducci che per immettersi su via Ariosto sono costrette a uscire oltre lo stop a  causa della mancanza di visibilita’ dovuta ad un palo dell’Enel come si puo’ vedere nella foto.”

“Chiediamo al Comune di spostare o sostituire il palo, (le cui condizioni sono pessime) di qualche metro mettendolo al centro dell’incrocio così da farlo funzionare come una piccola rotatoria simile a quella che si trova in via L. Da Vinci nei pressi della sede della Polizia Municipale.

Ciò fungerebbe da ulteriore rallentatore consentendo al contempo di regolementare il traffico in tutte le direzioni. Attendiamo fiduciosi e ringraziamo Tricasenews.it per la pubblicazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *