• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Ambiente, Societa', Tricase

Tricase, cassonetti raccolta indumenti usati stracolmi

TRICASEUrge svuotamento. Questo è il primo pensiero che passa per la testa a chi si imbatte nei cassonetti per la raccolta di indumenti usati completamente stracolmi, con l’area intorno divenuta presto discarica a cielo aperto, ubicati nei pressi del parcheggio della zona ospedale – piazza Cardinale Panico.

La zona e’ frequentatissima da numerosi cittadini provenienti da tutto il Salento che si recano in ospedale e non e’ proprio il massimo presentarsi in questo modo. Se poi ci aggiungiamo che di fronte a quei cassonetti ci sono delle attivita’ commerciali che fanno della bellezza delle loro esposizioni il loro punto di forza capite bene che non è possibile assistere a scene del genere in pieno centro cittadino senza che vi sia un minimo di spiegazione.

Uno spettacolo davvero indecoroso che da giorni si può guardare.  “L’altro giorno sono andato a portare degli abiti usati – ci fa sapere un nostro lettore – “però non sono riuscito a mettere le buste all’interno del cassonetto perchè era strapieno”. Lo stesso cittadino, si è visto costretto a depositare gli abiti accanto ai contenitori, non prima di aver segnalato l’increscioso episodio alla nostra attenzione.

Tricasenews_cassonetti_rifiuti_ospedale.jpg1

E ancora sui social monta la protesta, un commerciante della zona ha postato foto e il relativo commento: Stamattina un signore mi ha detto: è cusì taniti Tricase?” Io, vergognandomi, sono stato in silenzio. Questa è Tricase.

Altri ancora, sempre sui social sui social  hanno ridefinito ironicamente la zona come il nuovo mercatino dell’usato”.

Inutile dire che foto e commenti sono subito divenuti virali. Speriamo che attirino l’attenzione di chi e’ deputato alla risoluzione di questo increscioso problema.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *