Politica, Tricase

TRICASE, COPPOLA NOMINA NUOVO COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

TRICASE – Il Sindaco Antonio Coppola non ha rinnovato la nomina del dottor Luigi Muci a capo della Polizia Locale e contemporaneamente ha nominato il tenente, dottor Angelo Lanzilotti nuovo comandante.

tricasenews_lanzilotti

 

Confermati gli altri dirigenti:

Donatella Tasco alla direzione della ragioneria, programmazione finanziaria e sviluppo economico.

Guido Girasoli alla direzione di ambiente, manutenzione, espropri, energia rinnovabili.

Vito Ferramosca alla direzione dei lavori pubblici, demanio marittimo, sport e sicurezza.

Francesco Accogli alla direzione dei servizi soco culturali.

Maria Rosaria Panico alla direzione dell’amministrazione generale e servizi al cittadino.

Quindi solo il comandante Muci e’ stato tenuto fuori dai rinnovi degli incarichi.

tricasenews_comandante_muci

Nel nominare il nuovo comandante il Sindaco Coppola nella premessa del suo decreto chiarisce che “si intende assicurare i rapporti di piena e reciproca fiducia che sottostanno allo stesso, specie in un settore nevralgico della vita del comune come quello della Polizia Locale”.

Cio’ fa pensare di conseguenza che con il comandate Muci sarebbe venuta meno la piena e reciproca fiducia.

Secondo Coppola “il dottore Muci ha mostrato, con paradossale inversione dei ruoli, la propria e totale disistima nell’operato del Sindaco, giungendo a segnalarne all’autorita’ giudiziaria supposti comportamenti aventi rilavanza penale e a opporsi alla richiesta di archiviazione avanzata dal P.m. (si veda ordinanza di archiviazione Gip del 14/11/2016)”.

Inoltre il Sindaco segnala “che cio’ e’ avvenuto proprio nella sua qualita’ di comandante della Polizia locale nel doppio conflittuale ruolo di parte lesa e di “tutore istituzionale” della ragioni del comune in aperta sovrapposizione alla rappresentanza del Comune”. 

Si mette cosi’ la parola fine all’annosa questione che ha visto sin dall’inizio contrapporsi il sindaco Coppola e il comandante Muci con denunce alla Corte dei Conti, alla Procura del Tribunale, sequestri di aree comunali e altro.

C’e’ da credere che tale decisione scatenera’ non poche polemiche politiche aggiungiamo noi.

 

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno – Antonio Ciardo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.