Ambiente, Salute, Sindaco, Tricase

TRICASE – DIVIETO DI SPERIMENTAZIONE ED INSTALLAZIONE DEL 5G

TRICASE – I consiglieri comunali di maggioranza Francesca Longo, Vincenzo Chiuri, Antonio Baglivo, Luigi Giannini, Pasquale De Marco Alessandra Ferrari, Maurizio Ruberto, con una nota chiedono al Sindaco Carlo Chiuri di opporsi ad eventuali installazioni di antenne che diffondano e sperimentino il segnale 5G, “una nuova generazione tecnologica per la comunicazione mobile, si basa su microonde a radiofrequenze più elevate dei precedenti standard tecnologici e necessita di più ripetitori per garantirne servizio e funzionalità.”

“La nostra Amministrazione Comunale  sin dal primo giorno di insediamento a Palazzo Gallone, si è dimostrata sensibile alla tutela della salute della propria comunità e dell’ambiente circostante e, confermando e consolidando questa visione di intenti, vuole farsi promotrice di azioni concrete tese al controllo di una potenziale, indiscriminata ed incontrollata proliferazione di antenne e stazioni radio base sul territorio comunale

Nello specifico il 5G, una nuova generazione tecnologica per la comunicazione mobile, si basa su microonde a radiofrequenze più elevate dei precedenti standard tecnologici e necessita di più ripetitori per garantirne servizio e funzionalità.

Oltre a questo, tutt’ora, mancano studi preliminari sulla valutazione del rischio sanitario e per l’ecosistema. Pertanto siamo di fronte a un potenziale pericolo che andrà a sommarsi a quelli derivanti già da decine di migliaia di stazioni radio base ancora operative per gli standard tecnologici di comunicazione senza fili 2G, 3G, 4G, oltre a migliaia di ripetitori wifi attivi.

Prendendo come riferimento i dati scientifici più aggiornati, abbiamo chiesto al Sindaco, in base al principio di precauzione, di vietare a chiunque la sperimentazione o installazione del 5g sul territorio comunale della città di Tricase, in attesa della nuova classificazione della cancerogenesi annunciata dall’International Agency for Research on cancer.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *