Ospedale, Solidarieta', Tricase

TRICASE, DONATI COMPUTER PORTATILI ED ACCESS POINT ALL’OSPEDALE “PANICO”

TRICASE – Si è svolta nei giorni scorsi presso l’Ospedale “Cardinale Panico” di Tricase, alla presenza del dott. Vincenzo Pavone, direttore dell’Unità Operativa di Ematologia, e del cappellano dell’Ospedale don Giorgio Margiotta, la cerimonia di consegna al personale medico e paramedico del nosocomio salentino di due computer portatili e di 4 Access Point dall’Associazione di volontariato Lorenzo Risolo OdV.

I dispositivi, benedetti da Don Giorgio alla presenza dell’equipe medica del dirigente del reparto, sono stati donati dalla presidente dell’associazione, Sonia Chetta e da una rappresentanza del Direttivo, per supportare il lavoro del personale medico e paramedico dell’Unità Operativa di Ematologia, che tra mille difficoltà si trova ad affrontare questo difficile periodo segnato dalla pandemia da COVID-19, e oltre alla difficoltà di sostenere turni massacranti e impegnativi in reparto, devono continuare a seguire programmi di aggiornamento e la formazione necessaria, non più in presenza ma online, e che impone uno scambio continuo di informazioni con altri centri medici del territorio locale e nazionale.

Da qui l’idea di supportare il lavoro dei medici attraverso la donazione dei due computer portatili e dei 4 Access Point necessari ad un reparto, come quello di Ematologia, privo di connessione Internet.

“Sulla scia dei progetti volti a migliorare l’assistenza Oncoematologia del territorio – dichiara Sonia Chetta – con le donazioni ricevute grazie al 5X1000 abbiamo deciso di donare Access Point e Computer Portatili all’Unita’Operativa di Ematologia, diretta dal Dott. Vincenzo Pavone, in questo modo garantiremo una copertura di Rete Wi-Fi in tutto il reparto a tutti i pazienti ematologici e al personale sanitario, necessaria in questo particolare periodo di emergenza Covid in cui tutti i corsi di formazione, i congressi e le riunioni sono in modalità Virtual.

Un gesto di solidarietà a sostegno del personale sanitario impegnato in questa emergenza sanitaria che è stato possibile grazie all’impegno dei nostri volontari durante le iniziative di raccolta fondi e grazie a tutti i nostri sostenitori che in pochi hanno ci ha non permesso di raggiungere, grazie alle loro donazioni, risultati insperati come l’attivazione di borse di studio per infermieri attivate nel reparto di Oncoematologia Pediatrica, e le donazioni di strumentazioni medicali agli ospedali salentini, e il sostegno a cure e ai viaggi della speranza verso ospedali del territorio nazionale dei giovani pazienti e delle loro famiglie, tantissime in difficoltà economiche“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.