• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cronaca, Salento, Scuola, Societa', Solidarieta'

TRICASE: I “GIOCHI DI SALLENTIA” PER DARE UN CALCIO ALLA MAFIA ED UN URLO A FAVORE DELLA LEGALITA’

Gli studenti dell'’Istituto “Don Tonino Bello” di Tricase-Alessano; il “Salvemini” di Alessano; “; Il “Comi” e lo “Stampacchia” di Tricase hanno voluto cosi' dare un calcio alla mafia, un urlo a favore della legalità.

TRICASE – Si e’ svolta oggi a Tricase l’ottava edizione dei “Giochi di Sallentia“, manifestazione nata per favorire la socializzazione, lo stare insieme favorendo il confronto e la crescita educativa. Evento divenuto tappa fissa del percorso educativo dei ragazzi, i quali attraverso un quadrangolare di calcio rinnovano il loro impegno di cittadini attivi e sensibili.

Gli studenti dell’’Istituto “Don Tonino Bello” di Tricase-Alessano; il “Salvemini” di Alessano; il “; Il “Comi” e lo “Stampacchia”  di Tricase, le cui squadre hanno preso il nome di una vittima di mafia: Antonio Montinaro, Franco Marcone, Michele Fazio, Renata Fonte hanno voluto cosi’ dare un calcio alla mafia, un urlo a favore della legalità.

Alla fine la vera vittoria non è stata quella ottenuta sul terreno di gioco. Hanno vinto i valori, le idee, il rispetto.

Il “Don Tonino Bello” (di cui è dirigente scolastico la prof.ssa Anna Lena Manca), assieme ad altri istituti, è presidio di “Libera”, da sempre impegnato nella legalità. Ecco allora il miglior modo per attuare un progetto intitolato “Il Noi”, il cui obiettivo intende proprio seminare il “seme della legalità”. Un seme dal quale possano nascere radici forti, durature e – appunto – “radicate” nell’odierna società.

Il tutto, peraltro, si inserisce nell’ambito di alcune inziative che vanno dal 21 Marzo al 12 Giugno 2017. Già il “Don Tonino Bello” aveva organizza una serie di eventi con a tema la legalità. Mostre, approfondimenti e iniziative per ricordare i ragazzi salentini che hanno speso la loro vita nella lotta alla mafia  in associazione con la Fondazione Don Tonino Bello, il Presidio Renata Fonte Libera di Nardò e l’Associazione “NOMENI” per Antonio Montinaro di Calimera.

Prossimo appuntamento da non perdere, dunque, Venerdì 26 Maggio 2017. Nell’occasione, il motoveliero Leucadia Blu trasferirà la mostra fotografica “SGUARDI” via mare a San Foca dove le scolaresche del territorio leggeranno un ipotetico dialogo tra Don Tonino e Antonio Montinaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *