Politica, Tricase

TRICASE – I CONSIGLIERI FORTE E ZOCCO LASCIANO L’UDC E APPRODANO NEL GRUPPO MISTO.

Con dichiarazione resa oggi in Consiglio Comunale, i Consiglieri Vito Zocco e Gianluigi Forte escono definitivamente dal gruppo consiliare UDC e migrano nel Gruppo Misto.

522973_3787486650722_232029306_n     575961_3787488090758_1227833863_n

<Da tempo lamentavamo al Segretario Provinciale e Regionale la sua totale assenza sul territorio che risale alle politiche del 2013, nonostante gli accorati inviti rivoltigli a non abbandonarci e a “far politica” su Tricase, piazza che non ha perso occasione per dimostrare il consenso al partito, non solo nelle competizioni elettorali, e l’affetto alla persona.

A questo va aggiunto, da ultimo, il duro e ingiustificato attacco sferrato nei confronti del Consigliere Nunzio Dell’Abate, reo di non aver accettato la candidatura per le regionali in corso. E’ umanamente indiscutibile la motivazione di natura familiare rappresentata dall’amico Dell’Abate all’On.le Ruggeri, già da diversi mesi. Così come è disdicevole la spropositata reazione oppostagli dal Segretario Provinciale che ben avrebbe avuto il tempo e i mezzi per individuare in loco un’altra candidatura autorevole.   

549215_1002643039766771_707190847697148772_n

Rammentiamo che l’avvocato Dell’Abate si è sempre speso per il gruppo, sacrificandosi anche con candidature di servizio (politiche 2013)  riuscendo a ottenere, con il nostro supporto, il terzo miglior risultato su base regionale.

Se non ci fosse stata questa biasimevole imposizione e la sprezzante considerazione esternatagli a seguito della sua legittima rinuncia, il collega Dell’Abate e ancora una volta noi tutti avremmo, nonostante tutto, sostenuto il partito in questa competizione.

Forse l’On.le Ruggeri dovrebbe riflettere sulle numerose fuoriuscite dall’UDC da parte di autorevoli dirigenti, tesserati, simpatizzanti e non solo a Tricase. Non vorremmo che le cause siano da addebitare a una gestione troppo patriarcale del partito e a una latitanza sui territori>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *