Politica, Tricase

TRICASE – IL CARNEVALE E… “LE CHIACCHIERE DI COPPOLA”

Cari Cittadini, a seguito delle dichiarazioni del Sindaco sul palco del carnevale Tricasino di domenica 15 febbraio sento il dovere di precisare quanto segue.

Il Primo Cittadino ha dichiarato, consapevolmente, che l’edizione 2015 del nostro carnevale è stata la 1^  edizione della Città di Tricase. Con questa affermazione ha offeso non solo chi scrive, ma tutti coloro che come me si sono spesi nell’organizzazione del carnevale dello scorso anno. Ecco il manifesto della 1^ edizione:

 

E la delibera della Giunta Comunale n.33 del 30.01.2015:

Caro Sindaco, bene avrebbe fatto Lei o qualcuno della Sua maggioranza a prendere parte attiva alla manifestazione per dimostrare a tutti i cittadini la Sua vicinanza e il Suo interesse affinché questa iniziativa possa crescere sempre di più e rappresentare un momento di unione per l’intera cittadinanza.

Caro Sindaco, avrebbe dovuto raccontare a tutti che ha voluto e preteso dal Comitato Carnevale di Tricase che sul manifesto ci fosse il Suo nome. Avrebbe fatto bene a chiedere anche che fosse stampata la Sua immagine al posto de “lu masciu”. Si sa per tradizione che “lu masciu” racconta chiacchiere, quindi chi meglio di Lei in questo momento può rappresentarlo?

Avrebbe dovuto raccontare ai Cittadini quale è stato il contributo dell’Amministrazione per il Carnevale della Città di Tricase. Solo la modica cifra di euro 500 per la stampa e affissione dei manifesti, giusto per salvare la faccia, quando poi nell’arco del 2014 per manifestazioni di carattere “ristretto” ha speso la ben più sostanziosa somma di 65.000 euro prelevati dalle casse comunali. Ricordo che un contributo analogo fu concesso ad una scuola musicale privata per una manifestazione tenutasi nella Sala Del Trono. 

Avrebbe dovuto raccontare ai Cittadini che uno dei problemi più importanti, in questo momento, per Lei e la Sua Amministrazione è la modifica del regolamento comunale per consentire il parcheggio nell’Atrio di Palazzo Gallone. Giusto perché Lei, costante parcheggiatore della Sua vettura in quell’atrio, non incorra più nel divieto assoluto prescritto dall’attuale regolamento. Tempo e impegno che forse dovrebbe impiegare per risolvere il problema impellente delle aree a parcheggio a servizio del centro storico.

Avrebbe dovuto raccontare quale sia stato il motivo che l’ha spinta a stoppare i Suoi Consiglieri e vietare loro di affiggere un manifesto correttivo della maggiore aliquota IMU sui terreni agricoli illegittimamente richiesta dalla Sua Amministrazione.

Caro Sindaco, non mi va di dilungarmi più su queste chiacchiere, perché sono certo che porgerà le Sue scuse all’intera cittadinanza.

Infine  sento il dovere di ringraziare,cosa che lei non ha fatto, a nome del Comitato Carnevale e a nome  dell’intero gruppo,tutti i  giovani e meno giovani, che hanno rappresentato la favola di Pinocchio e quanti hanno partecipato alla manifestazione, invitando tutta la comunità ad una partecipazione più significativa il prossimo anno per la “TERZA EDIZIONE DEL CARNEVALE TRICASINO “.                                                                     

                                                                                             Il capogruppo di opposizione

                                                                                                 Vito Zocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *