• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Politica, Tricase

TRICASE – IL CONSIGLIERE ALFARANO: “E IO PAGO”…. IL COMUNE DI TRICASE MULTATO DI 20MILA EURO DAL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI.

TRICASE – Con l’adesione dei Consiglieri di minoranza, ho presentato la seguente interrogazione per accendere un faro sulla imbarazzante vicenda e far sì che a pagare gli errori/orrori dell’Amministrazione Comunale non sia sempre il Cittadino.

I Consiglieri Comunali Guerino Alfarano, Nunzio Dell’Abate, Pasquale Scarascia, Gianluigi Forte e Vito Zocco,

premesso che:

-con provvedimento prot.n.29511/96141 del 26.10.15, il Garante per la Protezione dei Dati Personali -Dipartimento Attività Ispettive e Sanzioni- contestava al Comune di Tricase, ai sensi dell’art.162 comma 2-bis del Codice in materia di protezione dei dati personali, la violazione della disposizione di cui all’art.19 comma terzo del predetto Codice per aver effettuato una diffusione di dati personali in assenza di idonei presupposti normativi e, in particolare, dell’“Elenco esonero refezione scolastica”, contenente tra l’altro i nominativi e la data di nascita dei bambini, i nominativi e gli indirizzi dei genitori, la percentuale di esonero dal pagamento della quota contributiva della mensa scolastica;

-con il medesimo provvedimento, il Comune trasgressore veniva condannato al pagamento, in misura ridotta, della somma di €.20.000 nel termine perentorio di 60 giorni dalla notificazione;

chiedono di conoscere:

1°)-Come possa essere accaduto l’imbarazzante episodio lesivo dell’immagine della Città, dei minori e loro genitori, lesi questi ultimi nella propria sfera di riservatezza dal Comune di Tricase;

2°)-Quali misure l’Amministrazione Comunale abbia adottato nei confronti del/dei responsabili della violazione normativa e/o di coloro che dovevano sovrintendere al loro operato;

3°)-Se l’Amministrazione Comunale intende ricorrere avverso il provvedimento sanzionatorio o procedere al pagamento della somma irrogata in misura ridotta e, in tale ultimo caso o in quello di rigetto del ricorso con conseguente condanna alla sanzione in misura doppia, quali saranno le forme per il recupero di quanto graverà sul bilancio comunale.

Guerino Alfarano download

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *