• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Politica, Tricase

TRICASE – IL CONSIGLIERE ALFARANO: “IL TEMPO E’ GALANTUOMO…SUL CONFLITTO DI INTERESSI DEL SINDACO VENIVO QUASI PRESO IN GIRO”.

Quando in maggioranza avanzavo i miei forti dubbi sulla triplice figura di Coppola, venivo quasi preso in giro.

Quando poi sono giunte in Comune le prime note a firma dell’Ispettorato della Funzione Pubblica, con allegate le indagini svolte dalla Guardia di Finanza di Roma, che contestavano l’illegittimità della rilevante attività professionale di ingegnere espletata a Tricase dal dipendente/Sindaco Coppola,  ho chiesto conto ma mi è stato risposto di farmi i fatti miei e che comunque erano tutte fandonie.

Ora, a distanza di tempo, il paradosso grande quanto una casa, che un dipendente comunale con la qualifica di Capo Settore dell’Ufficio Tecnico nonché sindaco faccia l’ingegnere a Tricase, è emersa in maniera esponenziale in quanto l’Ingegnere Coppola è stato indagato per non aver titolo edilizio in uno dei cantieri che dirige.

Ma l’incompatibilità e l’evidente conflitto di interessi erano da tempo sotto gli occhi di tutti e ancora non mi capacito come mai chi doveva intervenire non è intervenuto.

L’unica cosa che mi rattrista è stato il coinvolgimento dell’Ospedale Cardinale G.Panico, ormai divenuto polo di eccellenza nel panorama sanitario, e della persona che lo dirige, che meritano ben altre menzioni sulle testate giornalistiche. Ma di questo, come del disonore gettato sull’intero paese, il sindaco-dipendente comunale-ingegnere deve fare mea culpa, tanta mea culpa.

Non solo le dimissioni da direttore dei lavori del cantiere e forse neppure quelle da Sindaco possono compensare la pessima figura che ancora una volta ha fatto Tricase.

La Città merita di lasciarsi alle spalle questo triste capitolo, sussurrato da tempo fra la gente comune e ora urlato a gran voce come una sorta di liberazione, e di essere rilanciata in termini occupazionali, di servizi e di economia e soprattutto che riparta la macchina amministrativa stretta finora a difendere l’indifendibile.

Il Consigliere Comunale

Guerino Alfarano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *