Antonio De Donno, Politica, Tricase

TRICASE, IL SINDACO DE DONNO: 29 CASI COVID IN CITTA’, INIZIA ZONA ROSSA, STOP ALLE POLEMICHE

TRICASE – Con un post pubblicato alcune ore fa sulla propria pagina facebook, il Sindaco di Tricase Antoio De Donno fa il punto sulla situazione contagi da covid-19 e frena le polemiche e le accuse provenienti dai consiglieri di minoranza Carità e Baglivo. Leggi il post sotto:

Inizia la zona rossa, grandi sacrifici attendono tutti noi ma sono assolutamente necessari.

Il weekend passato ha testimoniato come non basta la presenza delle forze dell’ordine ( poche come sappiamo) e le multe elevate per frenare la necessità, capibile ma non giustificabile, di uscire di casa e sostare nei luoghi sensibili.

Al netto di quanto sostenuto dai leoni da tastiera, con o senza responsabilità amministrative, quotidianamente l’Amministrazione in ogni sua diramazione ha fatto il punto, ragionato e deciso sulla situazione pandemica, senza clamori o necessità di pubblicare ogni alito sui social.

Nessun cittadino è rimasto solo, grazie anche alle realtà associative impegnate, e la curva è precipitata da 70 casi a 11 casi, senza che nessuno di noi si prendesse meriti del risultato (che è frutto della prevenzione e dei comportamenti individuali e collettivi).

Chi parla di pandemia se è un semplice cittadino potrebbe informarsi meglio sulle reali possibilità di un’ Amministrazione locale di arginare il fenomeno al di là di ciò che è stato fatto (arriva un altro vigile in forza alla polizia locale e siamo sotto organico di almeno 10 unità, abbiamo chiesto ed ottenuto la presenza della polizia provinciale, i carabinieri sono ulteriormente sotto organico e nonostante ciò l’aliquota mobile è rimasta spesso in città, stiamo costituendo la protezione civile comunale etc), se invece è un amministratore farebbe bene a venire a lavorare in Comune invece di ergersi a salvatore della patria, sullo stile di quelli a cui ha fatto togliere la cittadinanza onoraria.

Buon sacrificio di responsabilità a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.