• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cronaca, Giustizia, Politica, Senza categoria, Tricase

TRICASE – LA GARA D’APPALTO DEI PARCHEGGI FINISCE IN PROCURA.

TRICASE – Dopo un esposto della Cooperativa Sociale Apulia si accendono i fari della Procura della Repubblica di Lecce sulla gara d’appalto per l’affidamento in concessione  dei parcheggi pubblici a pagamento senza custodia del Comune di Tricase.

I fatti: nel 2014 il Comune di Tricase pubblica un bando per assegnare la concessione del servizio di gestione dei parcheggi pubblici a pagamento senza custodia per dieci anni. Per poter partecipare tra i vari requisiti vi era l’iscrizione alla Camera di Commercio per coloro che avevano gestito lo stesso tipo di attivita’ da almeno sei mesi. La gara viene vinta, mediante procedura aperta dalla Gestam group S.r.l.s. che in un primo momento era stata esclusa dalla gara  per mancanza di requisiti e successivamente riammessa dalla commissione esaminatrice. Da qui partono i primi contrasti  tra Cooperativa Apulia, Gestam group e Comune di Tricase con l’opposizione della Apulia  in quanto secondo quest’ultima la ditta vincitrice non ha i requisiti.

Successivamente la vicenda finisce dinnanzi al TAR, che, dopo aver respinto la richiesta di sospensiva invita allo stesso tempo il Comune di Tricase a verificare daccapo tutta la documentazione allegata al bando da parte dei partecipanti. Sulla sentenza del TAR  si attende ancora il pronunciamento del Consiglio di Stato in quanto e’ stato presentato appello da parte della Cooperativa. Ancora su sollecito della Cooperativa Apulia la Camera di Commercio di Lecce indica che la Gestam Group ha gestito un parcheggio non meglio specificato tra Localita’ Ciolo e S.M. di Leuca, di conseguenza sempre la Cooperativa Apulia chiede con istanza al Comune di Gagliano del Capo di sapere quale e dove fosse il parcheggio. Il Comune dopo vari solleciti indica un parcheggio di cinque autovetture e cinque motocicli situato in un ristorante.

E proprio su questo punto pare che ci sia la controversia in quanto secondo i legali della Cooperativa quei parcheggi sono da ritenersi privati e non pubblici e di conseguenza viene a mancare il requisito necessario per poter partecipare alla gara, ovvero dimostrare di aver gestito parcheggi pubblici da almeno sei mesi. A questo punto viene presentata al Comune di Tricase una nuova istanza per l’annullamento in autotutela dell’assegnazione del servizio. Richiesta che pero’ viene  accolta dal Comune.

La vicenda, sulla quale la Procura ora dovra’ fare chiarezza sembra essere lontana dal dirsi conclusa e potrebbe riservare nuovi clamorosi sviluppi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *