Covid-19, Cultura, Scuola, Tricase

TRICASE, LA SCUOLA FINISCE IN TRBUNALE…

TRICASE – La scuola finisce in tribunale. Questa volta però la cronaca giudiziaria non c’entra perché stiamo parlando della ex sede del tribunale di Tricase (di proprietà comunale) messa a disposizione dell’Istituto Comprensivo di Via Apulia.

La scuola che ha la sua sede centrale proprio in via Apulia (quartiere di Caprarica), dovendosi attenere alle norme anti covid, aveva bisogno di nuovi spazi che ospitassero parte dei suoi alunni.

Così a lavori ultimati e dopo la benedizione di don Salvatore Chiarello, sacerdote della parrocchia di Sant’Andrea, circa 100 alunni (quattro classi della primaria) hanno preso posto nei locali che una volta ospitavano il tribunale opportunamente restaurati.

Il tutto è stato pensato e realizzato per far convivere senza problemi né commistione alcuna gli alunni impegnati a scuola e il Giudice di Pace che continuerà a prestare servizio da via Forlanini.

«La scuola di via Apulia nel mese di giugno era in ginocchio», ricorda la dirigente scolastica Rina Mariano, «con tante criticità da affrontare in merito alla capienza delle aule inadatte ad ospitare tutti gli alunni presenti con le nuove norme per il rispetto delle misure di sicurezza».

«Il dialogo costante con il Comune di Tricase ha reso possibile i lavori di allargamento di 2 aule della sede del via Apulia e della ristrutturazione del piano terra dell’ex tribunale dove», spiega la dirigente, «sono state allestite ben quattro aule con relativi laboratori».

Riguardo al primo giorno di scuola dopo l’estate e soprattutto dopo i lunghi mesi di lockdown con le lezioni seguite al computer da casa, Mariano fa notare come «sia la sede centrale che tutte le altre questa mattina si sono presentate agli alunni colorate e accoglienti, grazie all’impegno profuso da tutte le maestre e dai collaboratori scolastici. È stata, però, la presenza dei bambini a renderle ancora più accoglienti. Finalmente la scuola potrà godere della vitalità e della gioia dei ragazzi dopo un anno che difficilmente dimenticheremo».

Ora seguiamo le regole e auguriamoci un anno scolastico nel corso del quale si possa lavorare tranquillamente», conclude Mariano rivolgendosi in particolare ad insegnanti, personale scolastico e, soprattutto, ai suoi ragazzi: «Forza! Riprendiamo e incrociamo le dita”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *