Politica, Tricase

TRICASE – “L’ULTIMO ARRIVATO” – FARE IMPRESA A TRICASE E’ PROPRIO UN’IMPRESA…

Pubblichiamo lo sfogo di un cittadino sballottato a suo dire a destra e a manca tra Comune e Vigili Urbani, dalla troppa burocrazia e dal menefreghismo di alcuni dipendenti pubblici per una semplice domanda di occupazione di suolo pubblico.

L’ultimo arrivato .
Creare piccole imprese serve allo stato e a tutto quello che si gira intorno ma non a chi investe per lavoro.
Il piccolo idiota di turno in questo caso IO, con attività gastronomiche in diverse località del mondo ha deciso per fattori x di investire a Tricase creando un piccolo locale di asporto denominato Angolo, niente di male, lo fanno tutti quelli che credono al proprio potenziale sia economico che di esperienza nel settore.
Aprendo qualsiasi tipo di attività come succede spesso, si cerca di modellare il tutto in base ai consigli della clientela, tale da migliorare la vendita con piccoli accorgimenti che spaziano dalla birra alla carne oppure ad una sedia con un tavolino, accorgimenti giusti proprio per coinvolgere il cliente e a crearsi la sua atmosfera nel suo punto di ritrovo.

A proposito di tavolini e sedie, giorno 23 giugno 2015 ho protocollato presso ufficio protocollo comune di Tricase la domanda scritta di pugno dall’ Assessore Giacomo Elia con la richiesta di occupazione suolo pubblico per attività commerciale, dopo una consultazione con l’Ing. Girasoli, al quale feci notare, che, in base alle discordie esistenti tra Municipio e Vigili Urbani sarebbe stato difficile che tale domanda venisse accettata, parole testuali incollato alla sua poltrona con imponente ruolo autoritario disse; non vedo il perché i vigili urbani non dovrebbero accettare la sua richiesta, lei vada da un geometra e si faccia fare la piantina foto ecc.. Urrà c’è l’ho fatta la burocrazia al quanto se ne dica a Tricase funziona.

Purtroppo l’entusiasmo durò pochi minuti, ritorno al municipio (Palazzo Gallone) trovai l’Assessore Elia che mi scrisse la richiesta, depositata, con dicitura segue allegati, anche lui mi consiglio un geometra di fiducia, costo 180 euro per la pratica, giorno 25 giugno 2015 vennero protocollati come allegati la pratica del geometra, tempo d’attesa 7 giorni per un responso.

Scusatemi, perché devo affidarmi ad un geometra esterno visto che nella giunta comunale ci sono geometra, architetti e ingegneri? Chi meglio di loro dovrebbe conoscere il territorio basterebbe un semplice click al computer per capire di quale zona, parcheggio, lotto o chi che sia, non bisogna spendere 180 euro quando in tutte le parti del mondo è già tutto prestampato, basta solo inserire i numeri in questione, tempo 5 minuti, questo succede anche nei paesi sottosviluppati, ma non a Tricase o in Italia.

Dopo 10 giorni visto nessun segno dagli enti competenti alla mia richiesta decido di ritornare al municipio dal Sig. Ing. Girasole, domanda; buon giorno ingegnere a che punto è la mia pratica? Risposta; da parte mia è tutto a posto è già passata ai vigili urbani. Corro dai vigili, medesima domanda, risposta, aspetta che cerchiamo la vostra pratica, a si ci dispiace ma il Capitano non è in sede, ripassi tra 2 o 3 giorni.

6 luglio 2015 ore 10 della mia richiesta occupazione suolo pubblico per attività commerciale nessuna, mi hanno sbattuto come una palla di ping pong in tutti gli uffici da palazzo gallone a convento san Domenico, nessuno proprio nessuno era interessato a capire dove fosse finita la mia pratica, chi giocava a solitario chi scriveva sms chi semplicemente scocciato a lavorare, ore 13 incontro con assessore elia la quale mi assicurò che la pratica era depositata dai vigili urbani, dai vigili non esisteva nessuna pratica ritorno al municipio e decido con calma di ricominciare da dove avevo finito. 0re 13.30 Ufficio protocollo dopo una attenta visione nel computer si scopre che la richiesta avvenuta il 23 giugno con gli allegati del 25 giugno non li avevano unificati, pertanto nessuno sapeva la competenza di chi fosse, ricomincia a capire dove e chi di competenza, purtroppo ore 14 fine della festa si rimanda tutto a domani.

7 luglio 2015 ore 10 ufficio protocollo guarda caso scopriamo che di competenza era il sig. che mi aveva assicurato che la pratica era già dai vigili l’ ing. Girasoli , quindi dal palazzo gallone al convento, ufficio chiuso per assemblea di gruppo cioè si stavano guadagnando il gettone durante le ore aperto al pubblico, caso raro di gentilezza assoluta un signore che purtroppo non so il nome ma che ho avuto l’onore in seguito di elogiarlo, con pazienza cominciò a interessarsi e capire dove fosse finita la mia pratica, finalmente trovata, l’ing. girasoli l’aveva ben custodita ,fatta la copia e recapitata dai vigili urbani il capitano in 3 minuti declina la mia richiesta documentando che, la proposta cosi presentata in base all’articolo x del codice stradale viene declinata per ragioni di intralcio alla circolazione, ma potrebbe essere accolta nei giorni prestabiliti e chiusi alla circolazione dalle ore prefisse per sacre feste e serate organizzate, sempre e comunque nel rispetto del decoro urbano, grazie arrivederci

Ma a te sindaco Coppola che mi hai cercato il voto al momento delle votazioni, ti sei reso conto del degrado che hai in questo paese? Io ti ho votato perché ci fossero dei cambiamenti e non mettermi in mostra per fare pubblicità, ti ho votato per avere una classe dirigente competente e che stesse a cuore tutte le problematiche esistenti a Tricase, mio padre Peluso Salvatore sapeva quando seminare per raccogliere il frutto del suo lavoro e conosceva dalla nascita l’erba marcia da estirpare.

Io sono l’ultimo arrivato ma penso a quei commercianti, imprenditori, artigiani, agricoltori che prima di me hanno subito da tutte le parti dirigenti sia da destra che di sinistra le angherie i cavilli le discordie il menefreghismo ora sono anche io uno di loro, posso dire benvenuto nel club.
Non nascondo di essere del PD con pensiero PC ma a volte vorrei essere con Salvini o con Grillo per farti capire che il partito ti ha dato la possibilità di essere portavoce nell’arco del tuo mandato e coerente al tuo programma salvaguardando gli interessi del cittadino.
Quando questo viene a mancare devi essere cosciente di tirarti fuori ,non serve affondare la nave o si cambia il capitano o la ciurma decidi te.
Peluso Luigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *