Cronaca, Tricase

TRICASE – PICCHIA E MINACCIA EX MOGLIE, IMPRENDITORE NEI GUAI

TRICASE – Scatta il divieto di avvicinamento per un 52 enne di Tricase per aver picchiato e minacciato la ex moglie davanti alla figlia. Il provvedimento e’ stato emesso dal Gip del Tribunale di Lecce Alcide Maritati inseguito alle indagini eseguite dagli agenti del Commissariato di Polizia di Taurisano, accogliendo cosi’ la richiesta del pubblico ministero Maria Rosaria Micucci.

L’imprenditore separato da diverso tempo, avrebbe molestato più volte, la donna offendendola,  in presenza di altre persone e pedinandola fino a casa. Inoltre, essendo anche il suo datore di lavoro, l’uomo avrebbe dato disposizioni al commercialista di farle conteggiare meno ore di lavoro rispetto a quelle lavorate e di non accreditare la tredicesima. 

A giugno dello scorso anno l’imprenditore si sarebbe presentato in negozio scagliandosi contro la sua ex moglie colpendola con pugni sulla schiena e sulle braccia e schiaffi sul viso. Aggressione che ha costretto la donna a medicarsi al pronto soccorso. Al termine di una delle tante discussioni l’uomo avrebbe tentato di colpire l’auto della ex moglie con alcuni grossi massi. Altre aggressioni verbali si sarebbero consumate alla presenza della figlia. 

Per tutti questi episodi di violenza la donna e’ stata costretta a cambiare abitazione e abitudini di vita per tutelare anche la figlia minorenne. 

Nei confronti dell’uomo e’ stato emessa la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna e dovrà rispondere dell’accusa di atti persecutori. 

 

Fonte: La Gazzetta Del Mezzogiorno

 

2 Comments

  1. Mettetelo dentro e non lasciatelo in libertà, così dentro troverà qualcuno con il quale confrontarsi “democraticamente” su come fare a cazzotti e non so se ne uscirà indenne. Io dico di no! Ma se sono separati che rompe ancora? Non ti vuole più, vai in palestra a cercare una che fa sollevamento pesi e poi mi racconti! E facile picchiare chi non si può difendere, vero? Che stupendi padri di famiglia che abbiamo in Italia. In America la moglie avrebbe già in mano una pistola e poi vedremmo se il signor imprenditore farebbe ancora il gradasso. Io dico che sarebbe già sotto un bel cumulo di terra. E voi che ne dite?

  2. Certo che ogni tanto qualche bel nome e cognome non farebbe male.Capisco la privacy, ma mi dispiace che poi chi non lo conosce, lo consideri una brava e bella persona. Poco sapendo quel che ha combinato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *