• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Alimentazione, Scuola, Tricase

TRICASE, SCUOLA VIA APULIA, SERVIZIO MENSA INADEGUATO, PROTESTA DEI GENITORI

Si segnala che i ragazzi delle IIIC della Scuola Elementare di via Apulia, supportati dai loro genitori, hanno intrapreso una azione di protesta nei confronti del servizio mensa e della struttura scolastica in generale.

In particolare i ragazzi vivono quotidianamente il disagio di stazionare in una classe già di per se stretta per le attivita’ didattiche dove consumano in aggiunta il pasto mensa. Il tutto 8 ore al giorno senza possibilità di ricambio d’aria giacchè l’ambiente non rimane vuoto per un tempo congruo e con le finestre aperte. In aggiunta il servizio mensa viene effettuato in tempi molto lunghi togliendo ogni settimana molte ore utili alla didattica.

Non si vuole in nessun modo essere polemici anche perché l’amministrazione nella persona dell’Assessore alle Politiche Sociali, la rappresentanza dei genitori e la commissione mensa hanno da tempo aperto un canale di comunicazione volto alla ricerca di una soluzione tampone urgente.

L’azione ha quindi il solo scopo di sensibilizzare l’intera popolazione Tricasina affinchè si instauri un modus operandi che veda una programmazione più attenta ai servizi offerti con particolare riferimento agli adeguamenti strutturali necessari al benessere dei nostri bimbi.

Dall’inizio dell’anno scolastico sollecitiamo interventi di manutenzione straordinaria dei servizi igienici, la predisposizione di aule più ampie in accordo alle normative di edilizia scolastica e la presenza di idonei refettori capienti e funzionali. Ma non deve essere cosi. L’attenzione alle giovani generazioni deve essere massima, precisa e puntigliosa; nulla può essere lasciato al caso, alle soluzioni tampone e alla gestione delle urgenze, ma il tutto va attentamente programmato e preventivamente implementato.

Vogliamo crescere dei bimbi fiduciosi nelle istituzioni, in un paese che non inculchi fin dall’infanzia l’idea di inadeguatezza e superficialità che li porti all’idea di dover abbandonare il territorio “perche qui le cose vanno così e non cambieranno mai”

Auspichiamo che ogni struttura amministrativa e dirigenziale si applichi in maniera urgente e lungimirante alla risoluzione delle problematiche che oggi i bimbi, in maniera molto pacifica e innocente, segnaleranno consegnando al posto del tagliando prepagato del servizio mensa il presente messaggio:

Gentilissimo sindaco gentilissimo dirigente scolastico gentilissimo gestore mensa scolastica non pago perche’ -il servizio mensa viene effettuato in uno spazio stretto e scomodo, la stessa classe nella quale stazioniamo 8 ore di seguito senza ricambio d’aria -il tempo di somministrazione tra le varie pietanze e’ lunghissimo e perdiamo del tempo utile alla didattica -la proposta di pranzare alle 12.00 e’ inaccettabile per le ripercussioni didattiche -la proposta di pranzare di fronte ai bagni e’ inaccettabile per le ripercussioni igienico sanitarie – i miei genitori sono molto amareggiati ed indignati

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *