• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Politica, Specchia, Tricase

TRICASE E SPECCHIA FINANZIATE PER CIRCA 500MILA EURO DAL FONDO PER LO SPORT

SALENTO – Anche Tricase e Specchia nella lista dei progetti selezionati dal “Fondo Sport e Periferie” che finanzierà con 100 milioni di euro 183 interventi su impianti sportivi sparsi su tutto il territorio italiano.

Tale fondo è istituito ai fini del potenziamento dell’attività sportiva agonistica nazionale, dello sviluppo della relativa cultura in aree svantaggiate e zone periferiche urbane e ha l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economico sociali e incrementare la sicurezza urbana.

La Regione Puglia, coerentemente con l’elevato numero di richieste pervenute, evidenzia 14 progetti, i cui contributi richiesti hanno un valore medio di circa 500.000 euro. Cinque dei sei capoluoghi di provincia risultano interessati, per un totale di 13 Comuni, 12 interventi di rigenerazione, di cui 5 centri polivalenti.

Per Tricase nel bando si parla di rigenerazione di una palestra polivalente, mentre per Specchia l’intervento sara sulla rigenerazione del Campo Sportivo Comunale. 

Per il Salento ci sono anche Cursi e Ugento rispettivamente per rigenerazione campo sportivo e rigenerazione Palestra Polivalente.

Sono stati presentati 1681 progetti per un valore complessivo di circa 1 miliardo e 300 milioni di euro. Tra questi solo 183 hanno avuto il benestare del Coni. Nelle scelte c’è anche un equilibrio dal punto di vista economico, per assicurare la maggiore diffusione sul territorio italiano e tutte le tipologie di intervento (piccole e grandi).

Sono  rappresentate quante più discipline sportive possibili: al netto di calcio e calcetto, le palestre e i centri polivalenti rappresentano il 39% dei progetti. A seguire tennis, atletica leggera, rugby e pattinaggio. Anche qui, l’intento è stato quello di raccogliere un bacino potenziale di utenza più ampio possibile e di favorire la sostenibilità degli impianti, consentendo la pratica di più discipline.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *