• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cronaca, Tricase

TRICASE, TENTA DI DARE FUOCO ALLA EX FIDANZATA. ARRESTATO E CONFINATO AI DOMICILIARI

Il ragazzo non si rassegnava alla decisione della giovane di porre fine alla relazione sentimentale caratterizzata da eventi violenti.

TRICASE – I Carabinieri della Compagnia di Tricase diretti dal Capitano Alessandro Riglietti, dopo una accurata attivita’ di indagine,  nella giornata di ieri hanno dato esecuzione ad una ordinanza emessa dal Gip del Tribunale ed hanno arrestato e confinato agli arresti domiciliari un 22enne del luogo.  Le accuse sono di tentato omicidio, danneggiamento e lesioni continuate.

Le indagini sono partite lo scorso 30 aprile in seguito alla denuncia querela da parte di una ragazza che ha raccontato del gesto compiuto dall’ex fidanzato, il 22enne si sarebbe reso responsabile del tentato omicidio.

Il tentativo di omicidio, seppur maldestro e’ avvenuto nei pressi della zona 167 dove sembra abitino entrambi. Il ragazzo durate una lite scoppiata per la decisione della ragazza di porre fine alla relazione sentimentale a causa del carattere violento dello stesso minacciava la fidanzata di darle fuoco se non avesse cambiato idea.

Allontanatosi momentaneamente, il 22enne è uscito dalla propria abitazione munito di una bottiglietta contenente del liquido infiammabile versandolo sulla gamba della giovane fidanzata, tentando successivamente di darle fuoco con un accendino. Solo la prontezza di riflessi della ragazza ha evitato il peggio. La stessa riusciva a scappare riuscendo a rifugiarsi nella propria abitazione.

Ma ancora non bastava. Non contento della mancata aggressione il 22enne versava parte del liquido sulla finestra della camera da letto della giovane dandogli fuoco, provocando lievi danni all’infisso.

I Carabinieri in seguito a sopralluogo tecnico scientifico hanno rinvenuto e sequestrato una bottiglietta con tracce di liquido infiammanìbile.

Successivamente i militari hanno sentito anche altri testimoni oculari fra cui il padre della ragazza anch’egli minacciato dal giovane nella stessa occasione e dopo aver vagliato le documentazioni sanitarie, hanno raccolto altri elementi a carico del 22enne.

Dal racconto della giovane in sede di denuncia è emerso che l’ex aveva avuto in più occasioni comportamenti violenti che però non erano mai state raccontate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *