Covid-19, Politica, Tricase

TRICASE, TEST PRECOCI COVID-19, IL PD CHIEDE CERTEZZE

Chiediamo certezza delle misure, non si diano false speranze ai cittadini"

«Abbiamo aderito al progetto dell’associazione Uniti per la Vita e Tricase sarà il primo Comune del Salento (in Puglia lo fa per ora solo Bari) a mettere a disposizione, gratuitamente, il test precoce».

Con queste parole il sindaco Chiuri ha informato la cittadinanza di aver contattato il dott. Mauro Minelli per mettere a disposizione di forze dell’Ordine, medici di Famiglia, operatori ecologici, dipendenti dei supermercati ed attività commerciali aperte al pubblico i c.d. “test precoci”.

La comunicazione, avvenuta con un post sui social, è stata ripresa dagli organi di stampa, raggiungendo tutti i cittadini di Tricase e non solo.

Da quel momento, tante sono state le chiamate per chiedere informazioni circa tempi e modalità per accedere al “test precoce”, presentato dal Sindaco come “l’opportunità di mettere in sicurezza quei lavoratori del mio Comune che operano nei settori di pubblica utilità”.

Richieste legittime, cui però non siamo in grado di dare risposta.

Questo perché non vi è uniformità di informazione e comunicazione circa l’attendibilità dei risultati del test precoce per la diagnosi da infezione da Sars-CoV-2.

Già in data 16 marzo 2020, infatti, la responsabile del laboratorio di epidemiologia molecolare e sanità pubblica del Policlinico di Bari (il centro di riferimento per la rete di analisi per il coronavirus), Maria Chironna, affermava che «la ricerca indiretta o sierologica (ancora in fase di validazione scientifica) consentirebbe di effettuare la diagnosi solo più tardivamente. Pertanto i test sierologici “rapidi” non sono assolutamente validati per la diagnosi da infezione da Sars-CoV-2 e possono essere utilizzati unicamente ai fini di ricerca».

Ribadendo poi la centralità del tampone, aggiungeva l’invito ad «attenersi a quanto stabilito dal ministero della Salute e dall’Iss per quanto riguarda l’accertamento diagnostico per COVID-19 che deve essere fatto solo dai laboratori della rete regionale».

In data 20 marzo 2020, poi, il Comitato tecnico scientifico di Federfarma (Federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani) affermava che «l’approccio diagnostico standard rimane quello basato sulla ricerca dell’RNA nel tampone rino-faringeo» e che «si conferma che non esiste alcun test basato sull’identificazione di anticorpi (sia di tipo IgM che IgG) diretti verso SARS-CoV-2 validato per la diagnosi rapida di contagio virale o di COVID-19».

Alla luce di quanto riportato, dunque, il Circolo del Partito Democratico chiede al Sindaco di Tricase Carlo Chiuri e alle autorità competenti informazioni certificate circa l’utilizzo dei c.d. “test precoci”.

In un periodo d’emergenza come quello che stiamo vivendo, è fondamentale che la scienza e la politica collaborino al fine di dare informazioni e indicazioni certe ai cittadini, non provocando in questi ultimi false speranze.

In attesa di precisazioni doverose da parte degli organi preposti e da parte del Sindaco Chiuri che per primo ha informato i cittadini di tutto questo, l’unico invito che sentiamo di fare alla cittadinanza è quello di restare in casa e di attenersi alle indicazioni ufficiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *