• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cultura, Istruzione

TRICASE – VENERDI’ 15 GENNAIO, LA NOTTE NAZIONALE DEL LICEO CLASSICO.

Venerdì 15 gennaio, dalle ore 18:00 alle ore 24:00, presso il Liceo Classico “Giuseppe Stampacchia” a Tricase, strada provinciale per Lucugnano.avrà luogo la II Edizione de “La Notte Nazionale del Liceo Classico”,

Eventi, rappresentazioni teatrali, letture animate, concerti, performance, mostre fotografiche e di arti visive, degustazioni ispirate al mondo antico, conferenze, dibattiti, incontri con gli autori, presentazioni di volumi e letture di poesie.

Il prossimo 15 gennaio più di duecento sedi dislocate in tutto il territorio nazionale daranno vita ad eventi, rappresentazioni teatrali, letture animate, concerti, performance, mostre fotografiche e di arti visive, degustazioni ispirate al mondo antico, conferenze, dibattiti, incontri con gli autori, presentazioni di volumi e letture di poesie.

Ha aderito alla manifestazione anche il Liceo “Giuseppe Stampacchia” di Tricase, che aprirà le porte del Liceo Classico, lungo la Strada Provinciale per Lucugnano, alle ore 18, quando il Dirigente Scolastico, prof. Mauro Polimeno, darà via all’evento con i saluti iniziali, cui seguiranno la suggestiva processione delle Vestali e l’accensione del fuoco sacro che nell’antica Roma le sacerdotesse mantenevano perennemente acceso nel tempio di Vesta.

Seguirà un dibattito sul tema “Liceo Classico: un’occasione per parlarne” al quale prenderanno parte il prof. Mauro Polimeno, il prof. Giovanni Laudizi dell’Università del Salento, la prof.ssa Luigina Marzotta, docente di latino e greco presso il Liceo Classico “Giuseppe Stampacchia” di Tricase, l’avv. Fernando Musio dell’Avvocatura dello Stato, l’ing. Antonio Coppola, Sindaco di Tricase, che patrocina l’evento, e il prof. Antonio Del Vino, consigliere della Provincia di Lecce. Modera il dibattito il direttore editoriale di “Voci del Salento”, Nello Wrona.

Sara poi la volta della narrativa, quando gli studenti e il pubblico incontreranno Alberto Colangiulo, autore de “Il tesoro di Sant’Ippazio” e “Teresa ha gli occhi secchi”.

A seguire prenderanno il via le manifestazioni artistiche ad opera degli studenti del Liceo: dai monologhi di teatro classico alla riproposizione di un Simposio con degustazione di prodotti tipici greci, da un percorso su Ulisse alle letture di poesie, per finire alle rappresentazioni musicali.

Alle 20.30 avrà luogo un processo-spettacolo sul modello di quello effettuato con successo nel 2011 al Teatro Carignano di Torino, con l’economista Andrea Ichino e lo scrittore e semiologo Umberto Eco, rispettivamente all’accusa e alla difesa del Liceo Classico. Presiederà l’avv. Fernando Musio con l’avvocato Gianna Cogli e il magistrato Carlo Errico come giudici a latere. Il Liceo Classico verrà condannato o assolto?

Alle ore 21.00 alcuni studenti realizzeranno un reading poetico sul tema del notturno e spetterà alla band “Maremoto Cioccolata” chiudere la Notte del Liceo Classico con un concerto.

Di questi tempi si invoca da più parti il superamento del modello del Liceo Classico, accusato di essere obsoleto e inadeguato alle esigenze del mondo moderno e globalizzato, dalle dinamiche del tutto nuove rispetto al passato.

Lo scopo della della “Notte” è abbattere questi luoghi comuni e convincere del contrario: il Liceo più antico d’Italia, che da generazioni e generazioni forma le classi dirigenti e le principali teste del Paese, è vivo e vegeto. La cultura classica ha ancora tanto da dare: non è irrimediabilmente vincolata al passato, ma offre, oltre che le competenze, la chiave di comprensione del presente e del futuro.

I nuovi indirizzi di pensiero presentano la scuola superiore come un grigio meccanismo di acquisizione di competenze in vista dell’ingresso nel mondo del lavoro, dimentichi di quanto siano importanti la creatività, l’inventiva e l’ingegno, sulla scia di quanto Plutarco scrisse: «I giovani non sono vasi da riempire, ma fiaccole da accendere», con questo anticipando e arricchendo, con raffinato intuito “classico”, il dibattito sulla scuola del Terzo millennio.

Alessandro Amico

III A Liceo Classico “Giuseppe Stampacchia” – Tricase

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *