Politica, Sindaco, Storia, Tricase

TRICASE, VIA PIRANDELLO CAMBIA NOME IN “CORSO TABACCHINE TRICASINE”

La strada è ormai una delle arterie più importanti di Tricase. Da un lato costeggia il Parco e dall'altro  è molto vicina all’Acait, luogo simbolo per Tricase, dove le tabacchine lavoravano duramente.

TRICASE – “Via Pirandello rimessa totalmente a nuovo (stiamo ultimando in questi giorni gli attraversamenti pedonali rialzati) cambierà nome! Diventerà “Corso Tabacchine Tricasine”. 

Originale anche l’hashtag usato per l’annuncio: #ripar_ti_amoTricase. 

Lo ha fatto sapere il sindaco Carlo Chiuri nella tarda serata di ieri, postando la notizia sulla propria pagina facebook. Mai prima d’ora nessun primo cittadino aveva mai pensato di dedicare una strada a delle lavoratrici così importanti per la storia di Tricase.

La strada è ormai una delle arterie epiù importanti di Tricase. Da un lato costeggia il Parco e dall’altro  è molto vicina all’Acait, luogo simbolo per Tricase, dove le tabacchine lavoravano duramente.

“Era un nostro preciso dovere e noi lo abbiamo assolto”.  Lo dobbiamo alle Nostre Mamme, Nonne, Zie – continua Chiuri – che, in silenzio ogni giorno si recavano al lavoro e, con il Loro sudore e sacrificio hanno garantito a noi ogni forma di benessere; ecco perché abbiamo deciso di intitolare questa rinnovata, importante e centrale arteria stradale a Tutte Loro.

Rinnovata, come ogni giorno dobbiamo rinnovare il nostro senso di gratitudine nei loro confronti – prosegue il sindaco –  importante come il contributo che hanno dato alla crescita economica e sociale della nostra città; centrale come il pensiero che dobbiamo rivolgergli ogni volta che percorriamo questa strada.

Questi sono fatti. Agli altri le mistificazioni.”

In quest’ultimo pensiero si puo’ cogliere tutta la tensione verso chi in questi giorni (la minoranza) non gli ha risparmiato nulla. (LEGGI QUI)  dopo l’ultimo Consiglio Comunale saltato.

L’impressione è che a breve ci saranno altri colpi di scena sul versante maggioranza si, maggioranza no, tutto girerebbe intorno ad una seria criticità circa la presenza in consiglio di un membro dell’opposizione. 

Questa criticità sembra che abbia impedito anche lo svolgimento della II Commissione Lavori Pubblici e Urbanistica. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *