• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Ambiente, Approfondimenti

TRIVELLE – REGALATI ALTRI 740 KMQ DI MARE ALLA SHELL NEL GOLFO DI TARANTO.

 Fonte: Dorsogna.blogspot
di Maria Rita D’Orsogna www.dorsogna.blogspot.it
Presto nel golfo di Taranto fra Basilicata e Calabria appariranno le navi airgun per ricerca di giacimenti petroliferi e di gas. Siamo nel mar Ionio, fra le province di Crotone, Cosenza e Matera e l’istanza si chiama d 73 FR SH.Titolare della concessione la Shell, che reduce dalle sconfitte in Artico, arriva ora nei mari italiani con una concessione di 740kmq. I comuni interessati sono Corigliano Calabro, Montegiordano, Roseto Capo Spulico, Albidona, Rossano, Ciro’ Marina, Crucoli, Rotondella, Rocca Imperiale, Cariati, Pietrapaola, Crosia, Scanzano Jonico, Nova Siri, Cassano all’Ionio, Policoro, Ciro’, Scala Coeli, Mandatoriccio, Trebisacce, Villapiana, Amendolara.
Restano in bilico queste altre della Global Petroleum e della Global Med.

d 80 FR GP — Global Petroleum, 745kmq
In fieri

d 81 FR GP — Global Petroleum, 750kmq
In fieri

d 82 FR GP — Global Petroleum, 746kmq
In fieri

d 83 FR GP — Global Petroleum, 746kmq
In fieri

La profondita’ del mare nella concessione in esame varia dai 600 ai 1600 metri. Il tutto durera’ sei settimane e verranno acquisite 730km2 di linee sismiche.  Si tratta di ispezioni 3D, che sono piu’ invasive di quelle a 2D.

Come sempre, e’ tuttapposto, lieve, trascurabile.  Ad approvare tutto un Decreto del Ministero dell’Ambiente, assieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Dicono:

— A dodici miglia c’e’ una Zona Speciale Protetta, detta “Alto Ionio Cosentino” — e non ci saranno effetti negativi.

— La regione Puglia e Basilicata hanno espresso parere negativo. Ma che importa, approvano lo stesso!

— Devono fare il tutto fuori dal periodo di deposito delle uova, riproduzione e reclutamento delle principali specie ittiche commerciali. Tradotto: lo sanno anche loro che questo puo’ incidere sulla pesca ma che importa!

— Portrebbero esserci varie campagne in parallelo, della Shell e di altre ditte petrolifere, e quindi e’ bene coordinare con l’ISPRA in modo che le varie operazioni non si sovrappongano. Ma… quante ditte diverse ci vogliono?

— Si devono portare appresso gli “osservatori marini”, “team leader” con corriculum approvato. Devono scrivere un rapporto in italiano e un sacco di altre prescizioni che fanno ridere.  Eh si!

Ma la cosa piu’ assurda che in tutte queste labirintine prescrizioni, non viene stabilita la potenza massima utlizzabile. Certo, nessuno lo sapra’ cosa fanno in mare aperto, ma almeno a dire: oltre X non puoi andare. No. Dicono solo che si deve usare “la minor potenza acustica necessaria”. Cioe’ sparate quanto piu’ potete basta che e’, secondo voi, necessario.

Tutto questo non e’ firmato da un ministero del petrolio. E’ firmato dal ministero dell’ambiente e da quello del turismo. Che evidentemente non sanno niente ne di ambiente ne di turismo, altrimenti il mare lo proteggerebbero invece che darlo in pasto alla Shell. E nota che lo scopo della Shell, alla fine, e’ di trivellare e di far soldi, non certo di conoscere la geologia del mare Ionio. A quelli, seduti nelle sedie comode di Rotterdam e di Londra, non gliene puo’ importare un fico secco del mar Ionio.

La mia domanda e’ la stessa che feci a D’Alfonso per l’Abruzzo. Il gran salvatore della patria Marcello Pittella, che in teoria dice no alle trivelle in mare, che e’ il capofila delle regioni refendarie, cosa fara’ adesso?

Gridera’ allo scandalo? Andra’ su tutte le televisioni di Basilicata e d’Italia a dire che e’ inaccettabile che il governo prenda decisoni cosi contrarie alla volonta’ popolare? O semplicemente questa dei referendum per Pittella e’ l’ennesima foglia di fico dietro cui nascondersi, mentre nel frattempo tutto l’approvabile e’ stato gia’ approvato e ispezionato e trivellato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *