• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Senza categoria

TUMORI E PARKINSON, AL VITO FAZZI DI LECCE UN MACCHINARIO BRUCIA LE CELLULE MALATE

SALENTO – Il macchinario, già finanziato, è stato richiesto dal dr. Fernando Lupo, primario di Neuroradiologia dell’ospedale leccese. Non sarà installato nell’attuale reparto del “Fazzi”, ma nel nuovo Dea, in via di completamento entro l’anno. Di cosa si tratta?

«E’ un’attrezzatura che viene utilizzata insieme alla Risonanza magnetica – spiega il dr. Lupo – Emette fasci di ultrasuoni ad alta frequenza in grado di “bruciare” le cellule tumorali. Non utilizza radiazioni e si può ripetere senza alcun danno per il paziente. La macchina è stata ideata da tecnici israeliani e canadesi.   Attualmente è in dotazione soltanto a Palermo, alla Sapienza di Roma e a Ginevra».

L’acquisto dell’attrezzatura ad “ultrasuoni focalizzati” è caldeggiata anche dal direttore sanitario della Asl, dr. Antonio Sanguedolce. «Il dr. Lupo ha chiesto di poter disporre di questo nuovo apparecchio che cura i pazienti con gli ultrasuoni e non con le radiazioni – conferma il direttore sanitario – E’ una buona proposta, stiamo valutando. Dobbiamo solo verificare se è possibile realizzarla».

Più possibilista il Rup del cantiere del Dea ing. Carmelo Negro. «Questo nuovo macchinario sarà istallato al Dea – riferisce deciso il Rup – Anche perché abbiamo deciso di spostare Neuroradiologia al 4° piano del nuovo Dea, visto che c’è un’area libera e considerato che vengono effettuati interventi sul cervello con l’impiego dell’angiografo. Inoltre – aggiunge – stiamo spostando al Dea tutte le terapie intensive. E quindi sarebbe assurdo avere una diagnostica staccata al Fazzi».

Con gli ultrasuoni saranno trattate tutte le malattie del sistema nervoso.  «In particolare tutte le malattie extrapiramidali – precisa il dr. Lupo – e soprattutto il Parkinson, da curare direttamente senza farmaci. Non solo – aggiunge –  è in fase avanzata lo studio e il trattamento dell’ictus e di tutti i tumori addominali. Addirittura si sta mettendo a punto il trattamento dei tumori toracici. Praticamente questa metodica potrebbe sostituire in molti casi la chirurgia classica».

La macchina per combattere la malattia del Parkinson e i tumori

si chiama MRgFUS (Magnetic Resonance guided Focused Ultrasound) ed è stata realizzata in Israele con il costo di 7 milioni e 87mila euro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *