Festa, Fiera, Tricase, Tutino

TUTINO, LA FESTA DELLA “MADONNA DELLE GRAZIE” AI TEMPI DEL COVID-19

TUTINO DI TRICASE – E’ un evento atteso e programmato per tutto l’anno dagli abitanti del rione di Tutino.

L’appuntamento è sempre la prima settimana successiva a quella di Pasqua, ma, quest’anno le limitazioni dovute alla pandemia da Covid-19 hanno annullato tutto.

Parliamo de festeggiamenti in onore della “Madonna delle Grazie” a cui il piccolo rione è molto devoto.

Il paese è deserto, Piazza Castello che si sta rifacendo il look è vuota, niente luminarie e niente tradizionale fiera dei fiori che si sarebbe dovuta tenere ieri. Le porte della chiesa, che nei giorni a ridosso della festa patronale si spalancavano ai fedeli, sono chiuse.

La festa della Madonna delle Grazie ha segnato e segna la storia di Tutino e dei Tutinari che in questi giorni, nonostante l’isolamento, si sono sentiti più uniti che mai, anche e soprattutto grazie alla tecnologia.

Così, più si avvicinavano i giorni che dovevano essere quelli della festa, più la fantasia dei residenti di Tutino, legata alla voglia di onorare e festeggiare la Madonna, si è sbizzarrita.

Su facebook è stato riattivato il gruppo: TUTINO IN FESTA💞…. MADONNA DELLE GRAZIE, nel quale gli amministratori hanno postato i filmati e le foto delle feste degli ultimi 30 anni, hanno poi invitato i fedeli ad accendere le ciotole per il passaggio virtuale della processione in segno di devozione verso l’amata Maria Santissima delle Grazie.

Sempre su facebook, la Parrocchia ha aperto la pagina Santa Maria delle Grazie -Tutino dedicata alla trasmissione del solenne triduo tenutosi dal 15 al 17 aprile, aperto dal canto del tenore Gianpiero Ruffino, che ha voluto fare dono alla Madonna delle Grazie del canto dell’Ave Maria di Gounod, e le Sante Messe di sabato 18 aprile, domenica 19 e lunedi’ 20 aprile presiedute da Don Carmine e al tradizionale appuntamento con i bambini per tramite di “Matteo De Marco”, un giovane seminarista costretto dalle limtazioni a rimanere a Roma, collegatosi via social.

Anche se la festa non si è materialmente svolta, non si può certo negare che si sia sentita viva e forte la presenza di tutta la comunità di Tutino,  unita più che mai e protesa a pensare ed organizzare i festeggiamenti per il prossimo anno, Covid-19 permettendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *