Cittadini, Comune, Depressa, Lucugnano, Poste Italiane, Tricase

UFFICI POSTALI DI DEPRESSA E LUCUGNANO, LA MINORANZA CHIEDE LA RIAPERTURA

Con una lettera indirizzata al Sindaco avv. Carlo Chiuri, alla Giunta Comunale, al Segretario Comunale dott. Giuseppe Rizzo, i consiglieri comunali Fernando Dell’Abate, Dario Martina, Giuseppe Peluso, Federica Esposito, Alessandro Eremita, Maria Assunta Panico,Vito Zocco, Nunzio Dell’Abate chiedono la riapertura degli Uffici di Poste Italiane nelle frazioni di Depressa e Lucugnano, “momentaneamente sospesi a causa dell’emergenza Coronavirus” e “presidi pubblici essenziali in particolare per quelle persone anziane e spesso non automunite che oggi rappresentano una fascia numericamente significativa delle due comunità e, nel pieno dell’emergenza da Covid 19, quella più debole ed esposta.”

Al momento gli utenti della frazione di Depressa devono recarsi a Tricase e quelli di Lucugnano in caso di necessità sono costretti ad andare a Specchia.

I consiglieri di minoranza fanno notare che le chiusure degli uffici postali stanno provocando “disagio sociale soprattutto alle sue fasce più deboli e auspicano che Poste Italiane possa andare verso il servizio minimo essenziale evitando ogni possibile rischio  legato a evitabili spostamenti/assembramenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *