Cultura, Specchia

“UNA SERA CON LA GIORNALISTA PAOLA SANTORO”

A UN ANNO DALLA SUA PREMATURA SCOMPARSA UNA DIRETTA ON LINE PER RICORDARLA

SPECCHIA – Lunedì 16 Novembre alle ore 19.30, nell’ambito di “POP! – People of Puglia”, sulla Pagina Facebook dell’Associazione Culturale “Base” di Specchia: www.facebook.com/XXBASE20/, si svolgerà: “UNA SERA CON LA GIORNALISTA PAOLA SANTORO”, una diretta on line ad un anno dalla prematura scomparsa della giornalista di origine salentina, vicecaporedattore dell’Ufficio Centrale. 

All’iniziativa, interverranno da Specchia, Aurelio SANTORO e Anna SCUPOLA, genitori di Paola e on line: Mario CALABRESI, Scrittore e già Direttore di “la Repubblica” e “La Stampa”, Daniela HAMAUI, già Direttore di “D-la Repubblica delle donne”, “L’Espresso” e “Vanity Fair”; Gianluca DI FEO, Vicedirettore “la Repubblica”, Amalia ZORDAN, Caporedattore “D-la Repubblica delle donne”, Dario CRESTO DINA, Vicedirettore vicario “la Repubblica”, Francesca CAFERRI, caposervizio esteri “la Repubblica”, Manila CAMARINI, Photo Editor “D-la Repubblica delle donne”, Rosalba CASTELLETTI, Caposervizio esteri “la Repubblica” ed ex corrispondente da Mosca, Valeria VANTAGGI, Caporedattore Vanity Fair e Laura TACCANI, giornalista freelance.

Paola Santoro era nata a Torino da genitori originari di Specchia, è scomparsa a Milano all’età di 48 anni il 16 novembre 2019 in seguito ad una malattia che l’aveva colpita due anni prima. Laureata in lingue, parlava l’inglese, il francese e il tedesco, aveva una buona conoscenza del mondo germanico e scandinavo, maturata grazie a numerosi articoli legati allo sviluppo economico di questi Paesi. Appassionata di cinema, specialmente quello d’avanguardia e di letteratura, scriveva per hobby racconti, raramente poesie.

La professione di giornalista, da sempre sua grande passione, la intraprese nel settembre del 1995, allorquando partecipò al bando di concorso per l’iscrizione all’Istituto di formazione al giornalismo di Milano, riuscendo a classificarsi tra i primi quaranta. Dal giugno 1996 fino all’aprile 1997 lavorò nella redazione del settimanale “Anna” come stagista, occupandosi soprattutto di cultura e spettacoli, sporadicamente anche di salute e alimentazione. Negli stessi mesi ha iniziato anche a collaborare con il mensile “Max” scrivendo articoli di costume.

Nel giugno del 1997 iniziò a lavorare, sempre come stagista, nella redazione di “D-la Repubblica delle donne”, il magazine allegato al quotidiano la Repubblica.  Allo scadere del periodo di formazione ha lavorato nella stessa redazione a Milano con un contratto della durata di tre mesi, al quale è seguita l’assunzione a tempo indeterminato. Giornalista professionista, iscritta all’Ordine della Lombardia dal 14 ottobre 1997, all’interno della redazione di “D-la Repubblica delle donne” si occupava prevalentemente di attualità: reportage, soprattutto, dall’estero, inchieste e articoli di costume. Qualche anno dopo lavorò anche a Roma presso la redazione esteri del quotidiano “La Repubblica”.

            Numerosi i Paesi che raggiunse per scrivere i suoi reportage tra cui: la Norvegia, la Svezia, la Finlandia (e Lapponia), gli Stati Uniti d’America, la Lituania, la Lettonia, l’Estonia, Kaliningrad (enclave russa), l’Iraq di Saddam Hussein (Bagdad) e gli Emirati Arabi Uniti.

Diverse le personalità intervistate da Paola Santoro, tra gli altri: Franco Modigliani, Premio Nobel per l’Economia, Shimon Peres, già Primo Ministro Israeliano e Premio Nobel per la pace nel 1994, Emir Kusturica, regista, Vincitore di due Palme d’oro a Cannes, Leonardo, ex calciatore brasiliano ed attualmente Dirigente del Paris Saint Germain, Valentina Vezzali, più volte vincitrice della medaglia olimpica per il fioretto, Ralph Schumacher, ex pilota automobilistico di Formula 1 e Roberto Bolle, étoile della danza mondiale e primo ballerino della Teatro alla Scala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.