Agricoltura, Ambiente, Cronaca, Istruzione, Politica, Salento, Salute, Societa'

XYLELLA – APPELLO A TUTTI I SINDACI DEL SALENTO E NON SOLO.

QUESTO APPELLO E’ RIVOLTO A  PRIMI CITTADINI DEI COMUNI DEL SALENTO, in quanto Massime autorità Sanitarie dei cittadini e responsabile della condizione di salute della popolazione del proprio territorio, responsabilità che condivide con Il consiglio comunale e che, secondo un’interpretazione dell.art. 28 della Carta Costituzionale, si estende anche alla materia civile, a quella penale e a quella amministrativa, di opporsi all’attuazione del piano Silletti, così come ha fatto il Comune di Vernole (Le) con ordinanza 2572015, che prevede l’utilizzo massiccio di erbicidi, pesticidi ed insetticidi, promuovendo iniziative che sostengano gli agricoltori, mettendo in atto quelle buone pratiche che non prevedono l’uso di fitofarmaci.

Ricordiamo ai nostri Sindaci che l’art. 32 della Costituzione Italiana sancisce la tutela della salute come ”diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività”, di fatto obbliga lo Stato a promuovere ogni opportuna iniziativa e ad adottare precisi comportamenti finalizzati alla migliore tutela possibile della salute in termini di generalità e di globalità atteso che il mantenimento di uno stato di completo benessere psico-fisico e sociale costituisce oltre che diritto fondamentale per l’uomo; che L’articolo 50, comma 5°, D.Lgs. 267/2000 si collega con l’articolo 54 del D.Lgs. 267/2000 il quale al comma 2° dispone che il Sindaco, nella qualità di ufficiale del Governo, può adottare provvedimenti urgenti con lo scopo, la finalità di reprimere e prevenire pericoli che minacciano la pubblica incolumità. LA CONSEGUENZA E’ OVVIAMENTE, CHE SONO OGGI PIU’ NUMEROSI I CASI DI COINVOLGIMENTO DEI COMUNI, ANZICHE’ DELLO STATO, QUALE RESPONSABILE IN SOLIDO CON IL SINDACO,NEI GIUDIZI PER RESPONSABILITA’ CIVILE PROMOSSI DAI CITTADINI PER LA LESIONE DI DIRITTI SOGGETTIVI O INTERESSI LEGITTIMI;    

che il DECRETO LEGISLATIVO 14 agosto 2012 n. 150 , attuazione della direttiva 2009/128/CE istituisce un quadro per l’azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile dei pesticidi, visti gli art. 76, 87 e 117 della Costituzione, Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all’articolo 3, comma 1, lettera a), al fine di:

a) ridurre i rischi e gli impatti sulla salute umana, sull’ambiente e sulla biodiversita’.
b) promuovere l’applicazione della difesa integrata e di approcci alternativi o metodi non chimici.

Che il comune di Vernole (Le) con ordinanza 25/2015 si è espresso in difesa delle api e di tutti gli insetti pronubi sull’uso di fitofarmaci ed erbicidi in fioritura si legge:
nei frutteti e nelle coltivazioni orticole condotte secondo razionali norme fitosanitarie non sono indispensabili trattamenti fitosanitari nel periodo di fioritura;
nei terreni inerbati l’uso di erbicidi non è necessario nel periodo di fioritura dei manti erbosi;
molti coltivatori continuano ad utilizzare impropriamente prodotti fitosanitari dannosi per l’uomo ed espressamente vietati dalla normativa comunitaria e nazionale (per esempio dormex e Imidacloprid e altri fitofarmaci appartenenti ai cosiddetti neonicotinoidi).
Si citano sempre nella stessa determina:
la legge 313/2004 che disciplina l’apicoltura come attività di interesse nazionale per la conservazione dell’ambiente naturale, dell’ecosistema e dell’agricoltura in generale;
il regolamento CE n. 485 /2013 e i relativi provvedimenti applicativi emanati dal Ministero della Salute per quanto riguarda le condizioni di approvazione e uso dei principi attivi usati nei trattamenti fitosanitari;
la legge regionale 45/2014 “Norme per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile dell’apicoltura” in particolare l’art. 9. (Limitazioni dell’uso di prodotti fitosanitari”.

Chiediamo ai nostri Primi Cittadini che tengano conto che:

– l’Associazione dei Medici per l’Ambiente ha pubblicato un comunicato stampa in cui dichiarava apertamente che questa “cura” , voluta dal Commissario Straordinario Silletti e appoggiata, senza mostrare la minima contrarietà verso questo scempio ambientale e alla salute nostra e delle future generazioni, SIA PEGGIORE DEL MALE;

– la LILT di LECCE ha aderito al ricorso al TAR di Lecce presentato da alcuni proprietari contro gli atti e i provvedimenti adottati sulla materia del disseccamento rapido degli ulivi salentini, l’ONCOLOGO GIUSEPPE SERAVEZZA, Presidente della LILT di Lecce si è così espresso contro l’uso di tali sostanze “PENSARE DI RICORRERE AI PESTICIDI PER AFFRONTARE IL BATTERIO XYLELLA SIGNIFICA DISATTENDERE LE RACCOMANDAZIONI DEI VARI ORGANISMI INTERNAZIONALI, PONENDO DELIBERATAMENTE LE POPOLAZIONI AD ESPOSIZIONI CHIMICHE DANNOSE E PREGIUDICARE LE GENERAZIONI FUTURE”;

-Elenco di seguito le sostanze chimiche che verranno utilizzate:
BUPROFEZIS tossico per l’ambiente acquatico; sospetto di essere genotossico e cancerogeno.
DIMETOTATO fosforoorganico neurotossico, nocivo per l’uomo per inalazione e contatto sulla pelle la cui tossicità colpisce il sistema nervoso centrale, simpatico e periferico, agendo sulle connessioni sinaptiche e sulle terminazioni neuromuscolari.
IMIDACLOPRID insetticida sistemico che fa capo alla classe dei cloronicotimici neonicotinoidi: tali sostanze possono avere effetti sul sistema nervoso umano sin dal feto, il cui effetto critico è associato a problemi quali l’apprendimento e la memoria. Tra i principali responsabili della moria mondiale di api avvenuta tra il 2008 e il 2009.
DELTAMETRINA – LAMBDACIALOTRINA ed ETOFENPROX piretoidi tossici che provocano sulla pelle esposta irritazioni, forti dolori addominali, vomito, cefalee, convulsione, tosse, danni prenatali, parestesie.
CLORPIRIFOSMETILE pericoloso interferente endocrino, provoca danni sullo sviluppo del fetto e danni cerebrali nei bambini.Negli USA è stato bandito

-Il Sostituto Procuratore Elsa Valeria Mignone (capo del pool contro i reati ambientali) della Procura di Lecce ha aperto un fascicolo contro ignoti per disastro ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *