• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Agricoltura, Cronaca, Economia, Salento

XYLELLA – LO SPOT CHE OFFENDE IL SALENTO. EMILIANO: L’AZIENDA CHIEDA SCUSA O CHIEDEREMO RISARCIMENTO MILIONARIO.

SALENTO – «Il Salento ora ha la Xylella. Noi non siamo il Salento». È il testo utilizzato in uno spot pubblicitario dell’oleificio Castria di Ginosa di Taranto per promuovere i propri prodotti.  Immediata la levata di scudi amplificata dal direttore di Telerama, Giuseppe Vernaleone,

“Uno spot lesivo per tutto il Salento e per l’onore dello stesso oleificio Castria di Ginosa di Taranto.”È vergognoso promuovere le proprie produzioni attraverso una lesiva e diffamatoria affermazione a danno di tanti olivicoltori salentini che lottano per salvaguardare la propria storia, la nostra tradizione, le nostre produzioni. Usare la sciagurata Xylella, per scopi commerciali, delegittima onore e professionalità di chi vuol far passare, per infetti, tutti gli uliveti di questa terra”.

Le associazioni di categoria, le Istituzioni, dal Presidente della Provincia di Taranto al Presidente della Regione Puglia, si indignassero chiedendo il blocco del violento, infondato e pericoloso spot dell’azienda Castria, così come chiedo  al mio collega, direttore di Trm, di bloccare la messa in onda del messaggio commerciale“.

 

Il presidente della regione Puglia Michele Emiliano, grazie a una segnalazione fatta da Telerama, ha appreso che sta andando in onda su alcune emittenti locali uno spot pubblicitario di un’azienda olearia che recita: “Il Salento ora ha la Xylella, le Gravine hanno gli ulivi sani, il nostro olio è sano, noi non siamo il Salento”.
“Un messaggio gravemente lesivo dell’immagine della Puglia – dichiara Emiliano – che genera disinformazione e danneggia la nostra agricoltura. La Regione Puglia chiederà risarcimenti milionari a chiunque manderà in onda lo spot e all’azienda che lo ha commissionato se non sarà seguito immediatamente da altro messaggio pubblicitario nel quale con la stessa rilevanza ci si scusa delle menzogne propalate e ci si scusa con tutti coloro che stanno combattendo contro il flagello della Xylella che uccide le piante, ma che non incide assolutamente sulla qualità dell’olio. Il nostro olio, l’olio del Salento, è perfettamente sano e non può essere veicolo di alcuna infezione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *