• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Agricoltura, Regione Puglia, Salento

Xylella – L’Universita’ di Foggia “resuscita” 120 alberi dati per spacciati.

FOGGIA – Mentre proseguono le operazioni di eradicazione ai confini settentrionali della Provincia di Lecce, in ottemperanza alle direttive di Bruxelles, dall’Università di Foggia arrivano risultati insperati. I 120 ulivi ubicati nel Gallipolino, zona dei primi focolai, considerati inguaribili, in quanto molto secchi e con il batterio Xylella nei propri tessuti, hanno ripreso tutti a vegetare dopo le sperimentazioni condotte sul campo dai ricercatori.

Per confermare scientificamente gli effetti, bisognerà aspettare fino ad aprile, quando sarà concluso il ciclo biologico, ma quelli presentati oggi presso la Camera di Commercio di Lecce sono risultati più che incoraggianti: sugli alberi trattati, infatti, non sono spuntate solo le foglie ma anche il frutto.

La ricerca, avviata cinque mesi fa, è stata coordinata dall’Università di Foggia su iniziativa di Copagri Lecce, senza alcun contributo pubblico e con la collaborazione di aziende e proprietari che hanno offerto i propri terreni. Le sperimentazioni, infatti, sono state condotte sugli ulivi malati appartenenti ad aziende di cinque comuni diversi: due aziende di Matino, una di Leverano, una di Sannicola, una di Presicce e una di Melendugno.

“La prima sensazione avuta – hanno spiegato i ricercatori– è di avere a che fare con piante trascurate” e tra l’altro non irrigate.

Per questo è stata prima effettuata l’aratura, dopodiché i 120 ulivi sono stati sottoposti ad un massimo di sei trattamenti con l’utilizzo, anche in maniera combinata, di prodotti a basso o nullo impatto ambientale. Dopo i trattamenti le piante hanno ripreso a vegetare e produrre, pur confermando nei tre prelievi effettuati nell’arco di questi cinque mesi, la permanenza del batterio.

Da qui la dimostrazione, come hanno rimarcato i ricercatori Antonia Carlucci e Francesco Lops, che “la pianta è riuscita a superare la presenza del batterio” ma anche che “la convivenza tra Xylella e ulivi e tra Xylella e territorio è possibile”.

L’obiettivo della ricerca, d’altra parte, era proprio questo: non individuare un sistema per eliminare la Xylella, ma rendere possibile la convivenza tra la pianta e quello che è considerata la causa del complesso del disseccamento rapido dell’ulivo. E una buona “manutenzione” della pianta si starebbe rivelando efficace.

“Certo, resta da capire – hanno avvisato i ricercatori – se il batterio deve ancora dispiegare tutta la sua capacità distruttiva nelle piante osservate, ma è solo una questione di tempo”.

Intanto una cosa è certa: alberi dati per spacciati non solo hanno ripreso vigore ma producono anche olive.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *